Miguel Zenón, Sulle tracce di MAELO

Senza mai perdersi nel generico sabor del Latin, il sassofonista jazz portoricano Miguel Zenón rimescola e jazzifica elementi culturali, tradizioni, citazioni e frammenti in un quadro vivificante e nuovo. Dopo i suoi dodici alcum da leader, era ormai arrivato il momento di dedicargli un’ampia retrospettiva. Una parte dell’enciclopedica intervista che segue è stata pubblicata su Musica Jazz, marzo 2020.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » attualità, Cuba

Cuba: caffettiere esplosive

29. giugno 2011 – 15:212 Comments
Cuba: caffettiere esplosive

Sul mercato razionato è in vendita solo un caffè mescolato con i piselli al 50 per cento.  Questa miscela farebbe scoppiare le caffettiere perché ostruisce la valvola di sfogo e qualcuno l’ha denominata Bin Laden. Ne parla Yoani Sanchéz* su Internazionale**.

Una settimana fa il quotidiano Granma ha pubblicato un breve articolo che potrebbe far parte di un’antologia dell’assurdo. In tono didattico e quasi di rimprovero, spiegava ai lettori come preparare il caffè con una caffettiera italiana. Per un popolo accanito bevitore di caffè è stato buffo leggere questa spiegazione. L’articolo era accompagnato da varie foto che mostravano le proporzioni “corrette” di acqua e polvere da usare. Se uno straniero avesse letto quel testo avrebbe pensato che noi cubani stessimo cominciando a interessarci per la prima volta a quello che gli africani chiamarono “il nettare nero degli dèi bianchi”. Sul mercato razionato è in vendita solo un caffè mescolato con i piselli al 50 per cento.

La miscela, oltre ad avere un pessimo sapore, nasconde anche un grande pericolo: fa scoppiare le caffettiere perché ostruisce la valvola di sfogo. Le lamentele hanno sommerso il ministero del commercio interno, e diverse persone sono finite in ospedale con bruciature o ferite. L’umorismo di strada ha soprannominato la nuova miscela Bin Laden. Il malcontento è così forte che il quotidiano del partito comunista è stato obbligato a renderne conto sulle sue pagine. Ovviamente, secondo Granma, la colpa non è della miscela di chicchi varietà arabica e piselli importati, ma dei consumatori che non sanno preparare la caffettiera. Al cattivo sapore del caffè ora si aggiunge la sensazione di essere messi in ridicolo dai mezzi d’informazione ufficiali. (traduzione di Sara Bani)

*La blogger cubana Yoani Sanchéz per guadagnarsi da vivere traduce e fa la guida turistica. Nell’aprile del 2007 ha aperto il blog Generación Y, in cui parla della vita di tutti i giorni a Cuba.  Collabora ogni settimana con Internazionale, i suoi lavori  editoriali  in Italia sono tradotti da Gordiano Lupi.

** Internazionale, numero 903, 24 giugno 2011

2 Comments »

  • Gordian ha detto:

    Il chicharo non sono i piselli.

  • Grillo ha detto:

    carissimo Goirdian, la traduttrice l’ha interpretato come pisello e immagino faccia riferimento al minidizionario cubano-italiano della Vallardi. Il vocabolo Chicharo in altri paesi dell’America Latina non si conosce, comunque credo di poter dire che a Cuba è una leguminosa come cece o lenticchia. Tuttavia ho visto con i miei occhi tostare in maniera casalinga anche piselli. In mancanza d’altro…e si sa che i cubani ‘inventano’ sempre.

Escribe tu comentario!