MUSICA JAZZ: Francisco Mela da Bayamo

Una delle numerose interviste di MUSICA JAZZ di febbraio 2020 è dedicata al batterista FRANCISCO MELA, cubano, nato a Bayamo ma cresciuto artisticamente tra Santiago de Cuba e L’Avana. E proprio nella capitale fu l’ultimo batterista del fantastico pianista Emiliano Salvador, che scomparve prematuramente nel 1992

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » libri/cDVD, musica

CDvd + libri afro-latin & jazz: novità

4. luglio 2011 – 22:442 Comments
CDvd + libri afro-latin & jazz: novità

Ecco alcune proposte di libri con Cd, musiche da ascoltare e un Dvd superlativo: collana “Le Fiabe del Jazz” per piccoli aspiranti jazzofili; El Pais de las Maravillas di Harold Lopez Nussa; Django Reinhardt, Three Fingered Lightning (film -Dvd); , O Tempo di Márcio Faraco; Mehr Als Leben di Faben Piano Trio; Munfrà di Yo Yo Mundi; Afrodiaspora di Susana Baca.

LOUIS ARMSTRONG. ‘Il Soffio di Satchmo‘  di Roberto Piumini e Claudio Comini è un simpatico , divertente e istruttivo libro+Cd  che spiega ai bambini  delle elementari (ma è utile anche ai genitori) con parole e suoni la vicenda di uno dei maestri del jazz Gli altri protagonisti della serie “Le Fiabe del Jazz”  sono Miles Davis, John Coltrane, Thelonious Monk e Duke Ellington.  Nobilissima iniziativa di Edizioni Curci.

CDvd, questi i titoli pervenuti.

El Pais de las Maravillas è l’ultimo Cd del giovanissimo pianista cubano Harold Lopez Nussa, che mostra sempre più un travolgente swing latino intrecciato a fraseggi jazzistici e classici da brivido. Un trio cubano 100%, a cui si aggiunge in 4 brani come special guest il sax portoricano David Sanchez  che primeggia per il suo particolare sassofonismo, con voce potente, fraseggio ritmico e che si muove in più direzioni.  (World Village -distr. Ducale)

Márcio Faraco, O Tempo (Le Chant du Monde – Ducale) è un progetto molto interessante del bravissimo cantautore chitarrista brasiliano qui in duo con Júlio Gonçalves. Voce delicata, arpeggi precisi, chitarra e percussioni latine creano undici belle composizioni con un sound di bossa intimista, cancion ben ritmata,  e qua e là accenti di nueva trova cubana nello svolgimento dei versi.

Diango ReinhardtThree Fingered Lightning – Trois doigts de genie (EuroArts -Ducale) è un film di Christian Cascio in Dvd  della durata totale di 64 minuti che ripercorre dal 1910 al 1953 (anno della scomparsa) la vita del rivoluzionario chitarrista jazz, nato in Belgio. Django, gitano, rappresenta allo stesso tempo un mistero e  un genio, è stato un talento imbattibile nell’improvvisazione. Analfabeta completo fino al 1944, Django dettava le sue composizioni  (Nuages è uno dei tanti successi) ai colleghi per la trascrizione, e pur con i legittimi limiti dovuti alla mano sinistra menomata  è stato considerato  il miglior chitarrista al mondo tra la fine del Trenta fino alla sua precocissima morte. Ha condiviso la scena con i più grandi maestri del jazz,  fondamentale la sua amicizia con il violinista francese Stephane Grappelli assieme al quale fondò un quintetto formidabile e storico patrocinato dall’Hot Club de France. Nel giro di quattro anni registrò ben 60 dischi. Questo documentario, ottimamente contestualizzato dal punto di vista musicologico e storico, è  da vedere. Importanti anche i bonus. Bellissimo.

Yo Yo Mundi, Munfrà: il suono-memoria, la musica “selvatica” e i racconti di Monferrato (Felmay).   Un disco di musica nostrana, poco da spartire con il mondo latino tranne l’autenticità di queste sonorià,  che Paolo Conte, autore della prefazione nel booklet, definisce magnifico,  con “eccellenti orchestrazioni che infiammano e corteggiano la scatola magica, la fisarmonica, torre di Babe e regina di Saba”.

Italianissimo (romagnolo) anche il Faden Piano Trio (P.M. Turchetti, p; A.R. Rugiadi, f.b.; S. Calvano, dr) che ha stampato Mehr Als Leben, album di jazz contemporaneo virato a fusion.

I sette brani del progetto ruotano prevalemente attorno al pianismo nervoso di Turchetti con un sezione ritmica determinata e ben affiatata.

Susana Baca, ambasciatrice delle culture di matrice africana,  con Afrodiaspora (LuakaBop) continua a perlustrare le musiche latinoamericane con la lente afro, partendo dalla sua preferita : l’afroperuviana. Ma arriva a incrociare anche il lessico jazz soulblues del Nord America. Undici tracce per un lungo viaggio musicale  da Lima a Cuba, toccando Colombia, Messico, Venezuela, Puerto Rico e Lousiana. (Per la copia masterizzata  ringraziamo Kino Music, il distributore italiano dell’etichetta è poco sensibile verso le testate minori)

2 Comments »

Escribe tu comentario!