CHICK COREA & The Spanish Heart Band

Con il bellissimo album “Antidote” (Universal) Chick Corea torna alla sue radici latine, in un ideale seguito (aggiornato) dei suoi celeberrimi album di quarant’anni fa: “My Spanish Heart” e “Touchstone”, dai quali riprende alcuni temi (primo fra tutti Armando’s Rhumba”, qui trasformato in un travolgente brano in stile merengue). Antidote è un cd quasi esclusivamente acustico, in cui la ‘Spanish Heart Band’ spazia fra tutti i generi latino/contemporanei, dal flamenco alla musica cubana, dal Venezuela a Panama al Latin jazz fino al Brasile con la bossa nova Desafinado.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Cuba, latin jazz, live jazz, musica, Stati Uniti

David Murray & Cuban Ensemble al Flog di Firenze

29. settembre 2011 – 23:38No Comment
David Murray & Cuban Ensemble al Flog di Firenze

Sabato 15 ottobre all’Auditorium Flog di Firenze va in scena David Murray Cuban Ensemble plays Nat King Cole en español” con un repertorio di cubanjazz tratto dall’omonimo progetto discografico (Emarcy- distr. Universal).  Il concerto è inserito nel cartellone “Suoni d’Africa e d’Oltremare”, titolo della 36° edizione del Festival Musica dei Popoli sotto l’impeccabile direzione  delletnomusicologo Leonardo D’Amico.

Il progetto afroamericano del sassofonista David Murray è una rilettura di una parte dell’opera del pianista-vocalist Nat King Cole quando era di casa al cabaret Tropicana dell’Avana. Erano gli anni Cinquanta, epoca d’Oro della musica di Cuba. Tra il 1958 e l’inizio del 1960, Cole  incise due album in spagnolo con bolero, cha cha cha e rumba de salon, che diventarono poi famosi tra cui: Quizas, quizas quizas,  Piel Canela, Tres Palabras, Cachita, El Bodeguero. Questi temi, e ad altri ancora,  sono stati riletti da DAVID MURRAY, tenorsassofonista californiano, cinquantasei anni, ha suonato con tutti i grandi, una lunga ed eclettica carriera che dal freejazz  è approdato a tutte le correnti sonore del mondo, un ritorno alla madre Africa e alla scoperta dei ritmi afrocaraibici. Insomma uno che non sta mai fermo.

A poco meno di mezzo secolo dalla scomparsa di Nat ‘King’ Cole (1917-1965) – pianista con uno stile  che ben si adattava al romanticismo della sua voce –   il portentoso sassofonista, con il sostegno di una band cubana di prim’ordine, ha voluto condividere con il pubblico mondiale questo nuovo straordinario laboratorio di orchestrazione e arrangiamento senza confini che è una sorta di lettera d’amore ad una delle figure preminenti nell’ambito della popular music  e allo stesso tempo un talentuoso musicista di jazz. Tenete presente che molti critici (sprovveduti o poco informati), definivano canzonette melense i brani latinoamericani in questione.  Ascoltando il Cuban Ensemble cambieranno opinione lor signori depositari delle conoscenze musicali?

********

Ecco la formazione che suonerà a Firenze:

David Murray – Saxophone

CUBAN ENSEMBLE: Roman Filiu O’Reilly – Alto sax; Ariel Bringuez Ruiz – Tenor sax; Mario Morejon – Trumpet; Jorge Miguel Vistel Serrano – Trumpet; Denis Cuni Rodriguez – Trombone; Pepe Rivero – Piano; Reinier Elizarde – Bass; Georvis Pico Milan – Drums; Yuvi Aguillar Rojas – Percussions.

Clicca qui per consultare il programma completo del festival Musica dei Popoli

Guarda il video del David Murray Cuban Ensemble Plays Nat King Cole

Escribe tu comentario!