BOLOGNA JAZZ FESTIVAL: 30 ottobre/15 novembre 2020

Bologna Jazz Festival (30 ottobre/15 novembre 2020), edizione dei ricordi e delle celebrazioni: una ricorrenza storica imprescindibile (il centenario della nascita di Charlie Parker affidato a una trinità di sax: Francesco Cafiso, Mattia Cigalini, Jesse Davis); il sentito saluto a Steve Grossman, figura imponente della storia jazzistica di Bologna; il progetto monografico di Paolo Fresu su David Bowie.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, live jazz, Tango

GAIA CUATRO: domenica 24 giugno a Gorla Maggiore

21. giugno 2012 – 16:50No Comment
GAIA CUATRO: domenica 24 giugno a Gorla Maggiore

Dopo l’apoteosi nella piacentina Val Tidone (San Nicolò, 20 giugno) il quartetto Gaia Cuatro va a Gorla Maggiore per chiudere la rassegna JAZZaltro. Quando? Domenica 24 giugno ore 21,15. Dove  esattamente? Area Feste, via Sabotino. E sarà l’ultima data italiana del tour 2012. A buon intenditor….

JAZZaltro è orgogliosa di chiudere la rassegna di quest’anno che si è articolata in 12 serate su 7 Comuni diversi, ottenendo un riscontro senza precedenti, con i GAIA CUATRO, una realtà che ha ormai conquistato mezzo mondo.

Sono in tournée in Europa e quella di JAZZaltro sarà la loro ultima data in Italia di quest’anno. Quindi da non perdere assolutamente!

Parliamo di artisti di assoluta caratura internazionale che esprimono una musica carica di suggestioni con una gradevolezza ed una intensità tale da arrivare dritta al cuore, come raramente accade. Ascoltare un loro concerto o un loro disco è una esperienza irresistibile!

L’unione di due culture apparentemente agli antipodi, quella argentina e quella giapponese, da origine ad un mix sensazionale dove la passione, il calore e ritmiche del Sud America si fondono magistralmente con la raffinatezza e l’eleganza della tradizione musicale del Sol Levante.

Gli accenti latin imbastiti sapientemente dal piano Gerardo Di Giusto e dalle corde del contrabbasso di Carlos “El Tero” Buschini si intrecciano alla perfezione con il virtuosismo del violino di Aska Kaneko e il beat universal-contemporaneo del multipercussionista Tomohiro Yahiro. Una delizia.  Il tango che fa capolino qua e là, i colori insoliti di scale orientali e decisi pattern ritmici africaneggianti  offrono un impasto da lasciare senza fiato!!

Uno spettacolo che rimarrà impresso nella memoria e che riuscirà a soddisfare varie sensibilità.

Una musica, che sa di

world, jazz, classica, afro, tango. chacarera

e chi più ne ha più ne metta….

ma mette tutti d’accordo!

Escribe tu comentario!