GIOVANNI GUIDI Digital Tour on Crossoroads

Parte dal festival Crossroads il Digital Tour del pianista Giovanni Guidi. L’appuntamento è per venerdì 27 marzo alle ore 18:30, quando l’esibizione in piano solo di Giovanni Guidi sarà fruibile in diretta dalla pagina facebook di Crossroads, il festival itinerante organizzato da Jazz Network e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, cinema, musica

ARGENTINA: “Infanzia Clandestina” di Benjamín Ávila e tango del Turbión

29. agosto 2013 – 10:14No Comment
ARGENTINA: “Infanzia Clandestina” di Benjamín Ávila  e tango del Turbión

Importantissimo film in prima visione al Cinema Lumière di Bologna dal 29 agosto all’11 settembre. Il regista argentino Benjamín Ávila racconta nel suo primo lungometraggio Infanzia Clandestina. Una storia di clandestinità, di militanza, d’amore, di resistenza alla dittatura attraverso l’esperienza  di Juan/Ernesto, dodicenne, i cui genitori e lo zio Beto fanno parte del movimento  guerrigliero  Montoneros.  Al Ferrara Buskers festival tango argentino con El Turbion (sino al 31 agosto).

Cinema Lumière- Bologna

Infanzia Clandestina (Infancia clandestina, Spagna-Argentina-Brasile/2013) di Benjamín Ávila (112)

Argentina 1979. Juan, dodici anni, ritorna a Buenos Aires con la famiglia dopo un lungo esilio sotto falsa identità. I suoi genitori e lo zio Beto sono membri dell’organizzazione Montoneros, in lotta contro la giunta militare al potere. Per tutti i suoi amici e per Maria, della quale è innamorato, Juan si chiama Ernesto. Non deve dimenticarlo, il minimo errore potrebbe essere fatale per tutta la sua famiglia. Un storia di clandestinità, di militanza, d’amore vissuta con gli occhi di un ragazzino. Presentato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2012.

Da quando ho deciso che il cinema sarebbe diventato il mio mestiere, ho sempre desiderato raccontare questa storia, la mia storia. Ma non volendo realizzare un film autobiografico, ho deciso di servirmi del mio vissuto di bambino per raccontare una storia d’amore tra ragazzini ambientata in un momento storico ben preciso, vale a dire l’ultima dittatura militare in Argentina, tra il 1976 e il 1983, raccontando anche la militanza dell’epoca, un universo sconosciuto nel quale le paure si accompagnavano costantemente alla gioia, all’amore e alla passione. Infanzia clandestina è la mia storia ma è anche la storia di tanti altri bambini che hanno vissuto la loro infanzia nella mia stessa epoca”. 
(Benjamín Ávila)

Orari

Giovedì 29 e venerdì 30 agosto: ore 20.20 e 22.30 /Sabato 31 agosto ore 18.10, 20.20 e 22.30 /Domenica 1° settembre: ore 16.00, 18.10, 20.20 e 22.30 /Lunedì 2, martedì 3, mercoledì 4, giovedì 5 e venerdì 6 settembre: ore 20.20 e 22.30 /Sabato 7 settembre: ore 18.10, 20.20 e 22.30 /Domenica 8 settembre: ore 16.00, 18.10, 20.20 e 22.30 /Lunedì 9 settembre: ore 18.10, 20.20 e 22.30 /Martedì 10 settembre: ore 20.20 e 22.30 /Mercoledì 11 settembre: ore 18.10, 20.20 e 22.30

*******************************************************************************************

Ancora per tre giorni è possibile apprezzare al Ferrara BUSKERS Festival le performance tangueras del gruppo argentino El Turbión.

Per avere un’idea del progetto artistico del Turbión guarda il video (con breve intervista) girato nella giornata d’apertura della rassegna. Basta un Clic

Newsletter, 29 agosto 2013

Escribe tu comentario!