AFRO-LATIN Tour in Italia:  concerti estate 2022

Agli appassionati di sonorità afro-latine in giro per l’Italia segnaliamo alcuni concerti, che ci è dato conoscere e da non perdere, in corso fino al 10 agosto 2022. In questo elenco la fanno da padrone gli artisti cubani impegnati in diverse formazioni che vanno dalla reunion di Chucho Valdés & Paquito D’Rivera al Grupo Compay Segundo, alle diverse formazioni guidate o co-dirette da Omar Sosa, Yilian Canizares e Alfredo Rodriguez.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » attualità, Honduras, libri/cDVD

Libri-novità: “Senza etica niente sviluppo” del cardinale Oscar Maradiaga

27. novembre 2013 – 23:12No Comment
Libri-novità: “Senza etica niente sviluppo” del cardinale Oscar Maradiaga

La globalizzazione del «mercato-casinò» è un nuovo totalitarismo. E’ la grave denuncia di Óscar Maradiaga lanciata con il suo nuovo libro “Senza etica niente sviluppo” (Editrice Missionaria Italiana, 64 pagine, 5 euro). Il testo, snello, raccoglie riflessioni del cardinale  di Tegucigalpa (Honduras) sulla crisi economica e sulla fame nel mondo. Il volume si legge d’un fiato e può essere una buona idea-regalo in vista delle festività.

È un preciso atto d’accusa contro la «dura realtà del mercato-casinò e del capitalismo senza regole» quello che il cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa e presidente della Commissione degli 8 cardinali per la riforma della Curia vaticana istituita da papa Francesco, compie nel suo nuovissimo libro Senza etica niente sviluppo (Editrice Missionaria Italiana, pp. 64, euro 5, introduzione di Stefano Zamagni) da pochi giorni in tutte le migliori librerie.

Maradiaga, che da anni riveste anche la carica di presidente di Caritas Internationalis, compie un’articolata disamina della situazione economica attuale, caratterizzata da una crisi finanziaria che affonda le sue radici in una smodata ricerca del profitto e in un distacco dalla produzione di beni e servizi concreti. Purtroppo, segnala il porporato salesiano, oggi «è normale scommettere sui titoli e sull’andamento dei mercati al solo scopo di ottenere un profitto slegato dall’economia reale».

Secondo Maradiaga, la crisi globale scoppiata nel 2008, evento che rappresenta a suo giudizio il volto „buio‰ della globalizzazione, ha connotati così negativi che si può scomodare il paragone tra essa e i regimi comunisti e il Terzo Reich: «Come il comunismo e il nazionalsocialismo, ogni sistema di organizzazione del mondo che sacrifichi la realtà dell’esistenza umana a un’ideologia cieca è da condannare. La globalizzazione ha creato la percezione che le possibilità di consumo e di godimento siano illimitate». Tanto più che oggi «è dimostrato che le morti per fame superano quelle causate dalle mitragliatrici e dai campi di concentramento vecchia maniera (nazisti o sovietici) o moderna (come i campi di “accoglienza” per i migranti), o dai ghetti per le minoranze».

Cosa fare allora per costruire un futuro positivo con gli strumenti dell’economia globale? Secondo il consigliere di papa Francesco, un vero sviluppo deve prevedere la crescita di tre fattori: «Il mantenimento della vita, la stima e la libertà», sia a livello individuale che sociale. Più precisamente, è la via „etica‰ quella che Maradiaga chiede all’economia attuale di percorrere, non per un semplice intendimento moralistico bensì per la salvaguardia dei suoi stessi interessi: «L’etico non è esterno ai problemi di ordine economico. Si tratta di una dimensione costitutiva, intrinseca alla definizione integrale di qualsiasi problema umano». Di qui l’interrogativo centrale che ogni uomo di economia deve farsi: «Che posto occupa l’essere umano nelle forme attuali della globalizzazione? Questa è la domanda fondamentale».

Un esempio concreto? Maradiaga elogia quegli imprenditori che non delocalizzano le loro imprese: «Certamente l’imprenditore sta facendo politica nel senso buono della parola quando aiuta la patria rimanendo nel paese per continuare a produrre impiego, a investire e a costruire nella concretezza del momento presente».

Escribe tu comentario!