GIOVANNI GUIDI Digital Tour on Crossoroads

Parte dal festival Crossroads il Digital Tour del pianista Giovanni Guidi. L’appuntamento è per venerdì 27 marzo alle ore 18:30, quando l’esibizione in piano solo di Giovanni Guidi sarà fruibile in diretta dalla pagina facebook di Crossroads, il festival itinerante organizzato da Jazz Network e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » attualità, Messico, Uruguay

Uruguay e Messico: cosa fare per combattere la droga

3. maggio 2014 – 13:37No Comment
Uruguay e Messico: cosa fare per combattere la droga

Nell’Uruguay  di Pepe Mujica, cannabis e marijuana sono controllate e vendute dallo Stato. In Messico invece non si sa come uscire dalla tragedia colossale del narcotraffico. Diego Osorno, giornalista messicano, sta viaggiando nel mondo per parlare del problema e dire la sua su cosa bisognerebbe fare per combattere questo cancro.

Mentre “I consumatori di cannabis – si legge su Repubblica – potranno acquistare in Uruguay “un massimo di 10 grammi la settimana”, a meno di 1 dollaro al grammo, dopo essersi iscritti a un registro nazionale, in Messico chi ha il monopolio di tutto ciò sono i vari cartelli del narcotraffico che condizionano la vita del paese, la libertà dei cittadini e libertà di informazione. Sono migliaia i giornalisti uccisi negli ultimi anni dai narcotrafficanti e complici. Durante l’incontro tenutosi alla Sala Borsa di Bologna, alla presenza dell’esperto di cose messicane Pino Cacucci, il giornalista messicani Diego Osorno, “il Roberto Saviano dell’America Latina”, rispondendo a una domanda su che fare per uscire dalla bruttissima pagina odierna del Messico, ha buttato lì qualche strada da percorrere. Tra queste, la principale sarebbe la legalizzazione della marijuana e di altre sostanze stupefacenti.

Verrebbe da dire “Elementare Watson!”. Però bisogna fare i conti con le mafie, le lobbies, le banche, che lucrano su questa sporca guerra e quindi: chi ha il coraggio di contrastare e sconfiggere queste organizzazioni criminali? Non bisogna poi dimenticare che anche i politici corrotti messicani e quelli “puri” degli USA si guardano bene dall’intervenire contro illegalità di ogni tipo, in quanto il business in ballo è immenso se si pensa che i consumatori statunitensi di droghe sono stimati attorno ai venti milioni, con tutto ciò che significherebbe debellare il fenomeno dal punto di vista economico e anche per l’ordine pubblico e sociale negli Usa se venisse a mancare cocaina, marijuana, cannabis & C.

Pubblichiamo un’intervista-video con il giornalista messicano in occasione della presentazione del suo libro Z,La guerra dei Narcos (La Nuova Frontiera)

Escribe tu comentario!