Martín Rojas: la mia vita legata a Sanremo e al  jazz

Il compositore e chitarrista cubano Martín Rojas Torriente dopo un lungo silenzio è riapparso in compagnia del grande cantautore e collega Pablo Milanés al festival Barranquijazz sulla costa caraibica della Colombia. Gian Franco Grilli l’ha raggiunto per ripercorrere la sua lunga carriera artistica e la dolorosa vicenda umana segnata da un gravissimo incidente subito nell’infanzia e accettato e superato con la musica.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » attualità, Messico

Messico: l’inferno della Foxconn

14. dicembre 2014 – 22:51No Comment
Messico: l’inferno della Foxconn

Ciudad Juarez dista quasi duemila chilometri dalla stato del Guerrero, dove il 26 settembre scorso sono scomparsi i 43 studenti messicani. Ma qui la violenza messa in campo da bande armate e polizia non è certo a meno: dal 1993 a oggi sono state uccise circa quattromila donne. (Il Manifesto, 11.12.2014)

Ciudad Jaurez è una città di confine la cui struttura si è profondamente modificata dopo la firma, giusto vent’anni fa, del Trattato di Libero Scambio del Nord America (Nafta, per l’acronimo inglese). Si tratta di un confine diviso da un muro metallico che corre per centinaia di chilometri ma che rimane ambivalente e denso di pratiche politiche: da un lato facilmente transitabile per le merci, dall’altro poroso, garantendo così ai vari mediatori delle migrazioni internazionali di agire sul mercato del lavoro filtrando la circolazione della forza lavoro.

Leggi l’articolo  completo di Martin Cecchi e Devi Sacchetto su Il Manifesto


Escribe tu comentario!