Il Jazz di Bosso-Guidi & Brotherhood

Capita spesso al termine di un concerto di fare una faticaccia enorme per dare un nome a musiche e progetti di molti jazzisti. Non è stato così ascoltando al Torrione di Ferrara (6 novembre 2019) la “prima” di sei date del tour di The Revolutionary Brotherhood, il progetto del quintetto co-diretto da Fabrizio Bosso e Giovanni Guidi e completato da Francesco Bearzatti, Eric Wheeler e Joe Dyson.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Giamaica, Messico, Paraguay, Stati Uniti, Uruguay, Venezuela

America latina … in rassegna (19 gennaio 2015)

19. gennaio 2015 – 22:03No Comment
America latina … in rassegna (19 gennaio 2015)

In questo numero di news latinoamericane si parla di Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Cuba,  Ecuador, Messico, Paraguay, Uruguay e Venezuela.

Messico/ CARLOS SLIM primo azionista  del New York Times. Il magnate messicano, secondo nella classifica di Forbes degli uomini più ricchi del mondo (meglio di lui solo Bill Gates), ha raddoppiato le sua quota nel New York Times e diventa il primo azionista con il 16,8%, equivalenti a 27,8 milioni di azioni.

Uruguay/Mujica, l’ex presidente star svelato in una biografia scritta dal giornalista Mauricio Rabuffetti intitolata la Revolucion tranquila, libro che ha avuto immediato successo in Uruguay e verrà pubblicato in altri undici Paesi. Si apprende che è diventato una star internazionale mentre è assai discusso nel suo Paese per alcune iniziative. (Sette| rubrica Latinos di Rocco Cotroneo, 16.01.2015)

Venezuela/Manioca col Big Mac al posto delle patate. Niente patate fritte , ma manioca nei McDonald’s in Venezuela. La sparizione delle patatine pare legata alla crisi economica, che sta facendo mancare molti generi alimentari nel Paese, soprattutto importati. In questo quadro sembrano prendere spazio anche le tradizionali arepas, una sorta di piadina ottenuta con farina di mais. (Sette| rubrica Latinos di Rocco Cotroneo, 16.01.2015)

Cuba/ A sorpresa, dopo l’accordo boom di profughi verso gli Usa.  Nonostante le nuove relazioni tra i due Paesi, sono aumentati di oltre 100 per cento rispetto ad un anno prima i balseros che cercano di raggiungere le coste della Florida. Motivo? Il timore che possano terminare i privilegi accordati ai cubani che entrano illegalmente negli Stati Uniti. Secono le leggi attuali i cubani che riescono a toccar terra Usa ottengono immediatamente il diritto di residenza, la green card, e in seguito la cittadinanza. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 16.01.2015)

Brasile/L’agricoltura che divide. Un ministro sta con i fazendeiros e i grandi produttori, l’altro difende i contadini e i “senza terra”. E non fanno che beccarsi. I due “galli” che si beccano sono Katia Abreu, dalla parte dei fazendeiros e Patrus Ananias che sostiene il contrario, militante del PT, il partito di Lula e Dilma Rousseff. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 16.01.2015)

Brasile/Si tenta di salvare in Indonesia la fucilazione del secondo brasiliano. Il governo brasiliano sta tentando di salvare dal plotone di esecuzione Rodrigo Muxfeldt Gularte, 42 anni, condannato a morte in Indonesia per traffico di droga con il connazionale Marco Archer Cardoso Moreira, già fucilato sabato malgrado gli appelli della presidente Dilma Rousseff. Il ministro per i Diritti umani, Ideli Salvatti, ha detto che Brasilia cercherà di convincere le autorità di Giakarta dei problemi psichiatrici di Gularte. Ma ha ammesso che ci sono poche speranze. (Ansa. 19.01.2015)

Colombia/Sascha Arango, pluripremiato sceneggiatore nato nel 1959 a Berlino da madre tedesca e padre colombiano, è l’autore de “La verità e altre bugie”(Marsilio), il “romanzo più bello che leggerete nel 2015. Racconta la storia di Henry Hayden, narratore di successo e criminale”. Lo sostiene Antonio D’Orrico nella sua recensione su Sette del 16.01.2015.

Colombia/Questa è la donna più coraggiosa della Colombia. Si chiama Claudia Lopez, la senatrice che non smette di denunciare le collusioni  Stato- crimine.  La rivista Semana l’ha definita la donna più coraggiosa ed è probabile la pensino allo stesso modo gli oltre 81 elettori che l’hanno scelta nelle parlamentari dello scorso marzo. (Il Venerdì, Gabriella Saba, 16.01.2015)

Argentina/ Economia argentina, imprenditori delusi: «Qui l’agricoltura non rende più»

L’amministratore di uno dei principali gruppi dell’agroindustria sudamericana rimpiange i vecchi tempi della soia cara e le tasse basse. Adesso, dice, ci vorrebbero un po’ di liberalizzazioni su grano e mais, ma dal governo chiedono le imposte in anticipo e gli agricoltori si arrabbiano (Pangeanews.net, Mauro Sabatini, 15.01.2015)

Argentina/ MUORE IL PM CHE ACCUSAVA CRISTINA DI AVER COPERTO UNA STRAGE. Il procuratore Alberto Nisman è stato trovato morto nel suo appartamento di Buenos Aires in quella che sembra la scena di un suicidio. Oggi doveva presentare in parlamento le prove della grave denuncia che aveva sporto contro la presidente: insabbiare i responsabili di una strage. (Pangeanews.net, 19.01.2015)

Bolivia/Ecuador/Paraguay. Papa Francisco visiterá Bolivia, Paraguay y Ecuador nel prossimo mese di luglio, secondo un annuncio del presidente boliviano, Evo Morales, che ha incontrato  Papa Francisco nello scorso ottobre in Vaticano. Sarà la seconda visita di un papa in Bolivia, l’altra fu nel 1988 quando andò Giovanni Paolo II.

Cile/ ll Paese sudamericano rappresenterà l’America latina al festival del cinema di Berlino. Due dei suoi migliori cineasti in concorso, Patricio Guzmán e Pablo Larraín, nel periodo dal 5 al 15 de febrero prossimo, assieme al debuttante guatemalteco Jayro Bustamante.

Cuba/Usa. Una delegazione di senatori Usa e’ giunta nelle ultime ore a L’Avana, dove dalla finestra dell’albergo che li ospita è tornata a sventolare una bandiera americana. E Obama è più che mai determinato a percorrere fino in fondo la strada che porta alla fine dell’embargo verso l’isola.

Venezuela/ In caduta libera il prezzo del petrolio venezuelano a 39,10. Stando al bollettino settimanale del ministero dell’Energia, infatti, il barile di petrolio venezuelano avrebbe perso altri 3,25 dollari in una settimana. Insomma, sarebbe passato da 42,44 dollari a 39,10.

Escribe tu comentario!