JAMAICA JAZZ: Alexander MONTY

Concerto divertente di musica fascinosa con spunti ironici e un continuo susseguirsi di atmosfere e suggestioni sempre diverse dove jazz swing, blues e funk hanno fatto da cerniera per le escursioni caraibiche delle sapienti mani di Alexander Monty tra calypso, ska, soca, mento, e i colori dello steelpan che riecheggiano sugli ottantotto tasti bianchi e neri

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Brasile, Colombia, Cuba, cultura e tradizioni, Ecuador, Messico, Perù, Stati Uniti

America Latina … in rassegna (30.03.2015)

29. marzo 2015 – 22:30One Comment
America Latina … in rassegna (30.03.2015)

Le notizie “latinoamericane” scelte per la rassegna di questa settimana parlano di fatti e personaggi di Argentina, Brasile, Colombia, Cuba, Ecuador, Messico, Nicaragua, Perù.

Argentina/ Il mistero del giudice. Omicidio o suicidio? Dopo due mesi ancora dubbi sulla morte di Alberto Nisman. … la vicenda resta un mistero… l’opinione pubblica è frastornata. Si confrontano non solo versioni opposte dei fatti, ma accuse pesanti e perizie contrastanti dei medici legali. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 27.03.2015)

Argentina/ Dalla giungla argentina, spunta la città segreta dei nazisti. Le genti del posto chiamano la “Casa del Nazi” e credono che ci abbia abitato il segretario di Hitler, martin Bormann. L’archeologo che l’ha scoperto è sicuro che non ci abbia mai vissuto nessuno, ma garantisce che i tedeschi costruirono decine di rifugi segreti come questo, per salvarsi dalla guerra che stavano perdendo (Pangeanews.net, Filippo Fiorini, 26 marzo 2015)

Brasile/ Stiamo perdendo i veri guardiani delle foreste. I popoli indigeni prima sono stati sterminati per costruire strade, dighe, tagliare legname e scavare miniere….. In Brasile, nel cuore della foresta amazzonica nello stato di Acre, c’è un villaggio che si chiama Simpatia, sulla sponda del Rio Envira. Ci abitano una quarantina di persone, tutte di etnia Ashaninka. La città  più vicina è Feijo, a sei giorni di barca. (Sette| di Stefano Rodi, 27.03.2015)

Colombia/Usa.  Lo scandalo. Quei festini pagati dai narcos per gli agenti antidroga Usa.  Per diversi anni, una decina di agenti della Dea, l’antidroga Usa, ha partecipato in Colombia a festini con prostitute pagate dai cartelli della droga, spesso anche nelle loro residenze, dove avevano materiale “sensibile”. E a volte, un poliziotto colombiano rimaneva “a guardia” delle loro armi. (Corriere della Sera, 28 marzo 2015)

Cuba/ Cosa ostacola l’accordo Obama-Castro. Fatica a prendere forma lo storico accordo tra Barack Obama e Raul Castro sul disgelo tra Cuba e Stati Uniti. … Cuba insiste che gli Stati Uniti devono prima togliere il Paese caraibico dalla lista di quelli che appoggiano il terrorismo. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 27.03.2015)

Ecuador/ Il correttor cortese. Agiscono di notte nella capitale Quito, negli stessi orari dei graffiteros che scrivono sui muri delle case. Ma il loro obiettivo è un altro, correggere gli errori di ortografia e grammatica di chi imbratta la città. Il gruppo di tre amici, due artisti grafici e un avvocato di cause ambientali lascia anche il proprio marchio, Aoq, cioè Accion Ortogradica Quito. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 27.03.2015)

Messico/ La protesta dei narcos in cella. L’ex capo del Cartello di Sinaloa, Joaquin Guzman, detto El Chapo, ha scritto una lettera alla Commissione nazionale per i diritti umani lamentano le condizioni inumane del carcere El Altiplano. (Il Venerdì, esteri, 27.03.2015)

Nicaragua/ Ortega nepotista? L’ex mitico comandante della rivoluzione sandinista è oggi un presidente feudale, un monarca assoluto, accusa l’opposizione in Nicaragua. Daniel Ortega, tornato al potere nel 2007, …è accusato di nepotismo, per aver aperto le stanze del potere a una raffica di familiari. (Sette|Latinos di Rocco Cotroneo, 27.03.2015)

Perù/Cucina latina: Carapulcra del Perù, il segreto degli Incas. Da una storia di lotte e sofferenze, un piatto umile, oggi anelato dall’élite più esigenti, che dalla metà del XVII sec. discese dalle Ande e dalla memoria millenaria dei suoi inventori, per aprire la strada verso una abbondante, speziata e squisita libertà. ….L’unicità e la consistenza di questo piatto si devono all’ingrediente principe della Carapulcra: la papa seca opatata disidratata. All’epoca degli Incas era ottenuta secondo l’antico metodo di conservazione, esponendo le patate al freddo secco delle Ande. (Pangeanews.net /Mariangela Di Berardino, 28 marzo 2015)

un comentario »

Escribe tu comentario!