MUSICA JAZZ: Francisco Mela da Bayamo

Una delle numerose interviste di MUSICA JAZZ di febbraio 2020 è dedicata al batterista FRANCISCO MELA, cubano, nato a Bayamo ma cresciuto artisticamente tra Santiago de Cuba e L’Avana. E proprio nella capitale fu l’ultimo batterista del fantastico pianista Emiliano Salvador, che scomparve prematuramente nel 1992

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica

Crossroads a Modena con Manomanouche

25. marzo 2015 – 23:08No Comment
Crossroads a Modena con Manomanouche

Giovedì 26 marzo,ore 21.30, la seconda tappa a Modena della sedicesima edizione del festival itinerante Crossroads porterà alla Tenda (V.le Monte Kosica 95/s) il brioso swing gitano del quartetto Manomanouche, con Massimo Pitzianti (fisarmonica, bandoneon), Nunzio Barbieri, Luca Enipeo (chitarre acustiche) e Pierre Steeve Jino Touche (contrabbasso). Di seguito un video con il gruppo.

A partire dal 2001 i Manomanouche si dedicano alla celebrazione della musica zigana dall’inconfondibile scorrevolezza melodica e i ritmi sincopati e ‘rubati’: lo stile manouche, appunto. Con il nume del jazz gitano, Django Reinhardt, a fare da inesauribile fonte di ispirazione, i Manomanouche si sono ormai da tempo imposti come una delle formazioni di riferimento per questo affascinante repertorio che profuma di musica francese anni Trenta, con i suoi valzer, i motivi di musette, i passi di danza gitani e una spruzzata di jazz. L’autorevolezza dimostrata dai Manomanouche fa sì che i loro concerti siano tutt’altro che un’operazione nostalgica in omaggio a Reinhardt: la vivacità dei nuovi arrangiamenti preparati sulla base dei temi di Django, la capacità di inserirvi un tocco di cantabilità italiana, la selezione di altri autori per arricchire il repertorio, l’aggiunta di composizioni originali della band creano un emozionante rinnovamento della tradizione swing-zigana. Nelle scelte timbriche e strumentali del quartetto si apprezzano al contempo la fedeltà ai modelli storici e un sapiente adattamento ai tempi moderni.

Nei Manomanouche sono confluiti musicisti di varia formazione; Massimo Pitzianti e Pierre Steeve Jino Touche sono particolarmente noti in quanto collaboratori di lunga data di Paolo Conte. Nel corso degli anni il gruppo si è aperto alla collaborazione con artisti anche di diversa estrazione stilistica.

Indirizzo: La Tenda, Viale Monte Kosica 95/S, Modena, biglietteria serale dalle ore 20: tel. 059 214435.

Escribe tu comentario!