MUSICA JAZZ: Francisco Mela da Bayamo

Una delle numerose interviste di MUSICA JAZZ di febbraio 2020 è dedicata al batterista FRANCISCO MELA, cubano, nato a Bayamo ma cresciuto artisticamente tra Santiago de Cuba e L’Avana. E proprio nella capitale fu l’ultimo batterista del fantastico pianista Emiliano Salvador, che scomparve prematuramente nel 1992

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Bolivia, Brasile, Cile, cultura e tradizioni, Ecuador, Guatemala, Messico, Panama, Perù, Uruguay, Venezuela

America Latina … in rassegna (5 aprile 2015)

5. aprile 2015 – 18:14No Comment
America Latina … in rassegna (5 aprile 2015)

Le notizie “latinoamericane” selezionate per la rassegna di questa settimana parlano di fatti e personaggi di Argentina, Barbados,  Bolivia, Brasile, Cile, Cuba, Ecuador,  Guatemala, Messico, Panama, Perù, Uruguay,  Venezuela.

Uruguay/ Mai più ex detenuti di Guantanamo. L’Uruguay non accoglierà più ex detenuti di Guantanamo… e nemmeno rifugiati dalla guerra in Siria. Lo ha deciso il nuovo governo, dopo lo polemiche suscitate dall’ex presidente José Mujica. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 03.04.2015)

Cile/ Protesta popolare contro la nomina del vescovo.  A Osorno, cittadina nel sud del Cile, non si era mai vista una manifestazione di tale entità per nessuno motivo. Almeno 700 persone si sono radunate davanti alla cattedrale per chiedere al Papa di rinunciare alla nomina di Juan Barros come nuovo vescovo della città. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 03.04.2015)

Argentina/ La disfida delle Malvinas. Gli inglesi vogliono rafforzare le difese militari. E gli argentini rispondono così. Inverosimile e ingiustificabile, Così il governo argentino giudica l’annuncio britannico di un rafforzamento delle difese militari alle isole Falkland-Malvinas. “assurdo agitare il fantasma di una minaccia per aumentare le spese militari sulle isole”, afferma il ministero degli Esteri di Buenos Aires, “e ignorare il fatto che tutte le forze politiche argentine sono d’accordo nel trovare una soluzione pacifica alla controversia sulla sovranità dell’arcipelago”. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 03.04.2015)

Cuba/ Fidel Castro torna in pubblico: dall’auto saluta un gruppo di venezuelani. Il lider maximo vive in privato dalle dimissioni nel 2008 e non compariva dal gennaio del 2014. A febbraio, il leader della rivoluzione cubana è stato mostrato da alcune fotografie nella stampa ufficiale, che hanno placato le preoccupazioni e le congetture sul suo stato di salute. (il fatto quotidiano, 5 aprile 2015)

Argentina/Argentina caotica: i Tango Bond si incassano solo a Buenos Aires e Parigi. Continua la battaglia per il debito. Cristina Kirchner tiene duro coi creditori e il suo giovane ministro dell’Economia, scatena la fantasia: dopo un weekend carnevalesco, sono state pagate le obbligazioni “Par” convertite alla normativa argentina. Chi ha accettato, deve chiamare a Buenos Aires o Parigi. Chi ancora detiene titoli sotto legge americana o inglese, può vedere il versamento congelato (Pangeanews.net, Mauro Sabatini, 2 aprile 2015)

Argentina/ 18 gradi e caldo record al Polo Sud: colpa del riscaldamento globale? Due basi argentine hanno registrato temperature eccezionali nella Penisola Antartica. C’erano stati 13° trent’anni fa, ma ora sono addirittura 17,5°. Gli scienziati sospettano sia colpa del riscaldamento globale (Pangeanews.net, Filippo Fiorini, 1 aprile 2015)

Brasile/Un club per trasmettere l’Hiv. Attraverso incontri senza protezione nella comunità gay di San Paolo, trasmettono il virus Hiv di proposito. Un popolare programma tv brasiliano ha rivelato l’incredibile storia del cosiddetto club del carimbo (“timbro”, in portoghese), un gruppo di sieropositivi che si dedica a rapporti non protetti per contaminare il partner. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 03.04.2015)

Barbados/ Dio salvi la regina. L’isola caraibica di Barbados, ex colonia britannica, ha deciso di non riconoscere più la regina Elisabetta II come proprio capo di Stato e di trasformarsi in una repubblica a partire dal 2016. Barbados vuole comunque continuare a far parte del Commonwealth (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 03.04.2015)

Argentina/ La droga fa sistema. Una scioccante denuncia della Ong La Alameda svela una fitta rete di produzione di droga a Buenos Aires. Dieci laboratori producono cocaina di alta qualità solo nella capitale… sotto il comando del narcotrafficante peruviano Marcos Antonio Estrada Gonzalez. (Il Venerdì, esteri, 03.04.2015)

Ecuador.“Vogliono chiudere la porta alla speranza”. Intervista all’economista ecuadoriano Pedro Paez Perez, ideatore di una nuova architettura finanziaria e ha ricoperto un ruolo centrale durante i governi di Rafael Correa. La revolucion ciudadana vuole aumentare la partecipazione della società civile e il controllo sul potere dei monopoli che fanno arretrare le conquiste sociali (Il Manifesto, Geraldina Colotti, 4 aprile 2015)

Venezuela,  10 milioni di firme per il Vertice di Panama. America latina. Allarme per l’incremento delle basi Usa. Dieci milioni di firme da consegnare al presidente Usa Barack Obama in occasione del vertice delle Americhe, che si terrà a Panama il 10 e l’11 aprile. Questo l’obiettivo fissato da Nicolas Maduro, presidente del Venezuela….Il 9 marzo, Obama ha dichiarato il Venezuela una “minaccia straordinaria” per la sicurezza del suo paese e ha imposto sanzioni a sette funzionari di Maduro, accusati di “aver violato i diritti umani dell’opposizione” .. A Panama, Ernesto Samper, segretario Unasur, chiederà a Obama un cambio di indirizzo nelle relazioni con l’America latina. La proposta forte è quella di chiedere il ritiro delle basi miliari dal continente…. (Il manifesto, Ge.Co., 4 aprile 2015)

Perù/ Sfiduciata la prima ministra. “il 30 marzo il parlamento del Perù ha votato una mozione di sfiducia contro la prima ministra Ana Jara, dopo la notizia che la Direccion nacional de inteligencia spiava illegalmente politici, giornalisti, uomini d’affari e cittadini”, scrive Infolatam. Ora il presidente Ollanta Humala, in carica dal 2011, deve nominare un nuovo governo e un nuovo primo ministro. (Internazionale, 3 aprile 2015)

Messico/Le armi di Washington. L’ex presidente messicano Felipe Calderón aveva dichiarato apertamente guerra al narcotraffico. Con il successore Enrique Peña Nieto,del PRI, il conflitto sembrava aver perso intensità…. “Secondo un rapporto pubblicato nel 2014 Washington avrebbe consegnato a Città del Messico armi e tecnologie militari per un valore di 500 milioni di dollari”. In pochi mesi la vendita di armamenti Usa al Messico è quasi triplicata.(Internazionale da Proceso, Messico, 3 aprile 2015)

Bolivia/ Successo a metà per Evo Morales. Alle elezioni regionali e municipali del 29 marzo il Movimento al Socialismo (Mas) del presidente Evo Morales, al terzo mandato, si è riaffermato come primo partito del paese ma ha perso in alcune città chiave. Passano all’opposizione  El Alto e La Paz. (Internazionale, 3 aprile 2015)

Argentina/ Il 26 marzo la corte d’appello ha confermato che non incriminerà la presidente Cristina Fernandez, accusata di aver ostacolato un’inchiesta sul coinvolgimento dell’Iran in un attentato antisemita nel 1994. (Internazionale, 3 aprile 2015)

Messico/ Una persona è morta e sedici sono rimaste ferite il 1 aprile in un incendio scoppiato su una piattaforma petrolifera dell’azienda statale Pemex.

Brasile/I liberisti brasiliani scendono in piazza. I partecipanti alle manifestazioni del 2015 non sono gli stessi di quelle del 2013. E’ una rivolta della classe media e della borghesia contro lo statalismo e la politica corrotta. (Internazionale, Le opinioni, di Manuel Castells, 3 aprile 2015)

Brasile/ Ritorno all’Eldorado. Nel settecento la città di Ouro Preto, in Brasile, era il simbolo della corsa all’oro. Oggi, con le sue chiese barocche, è un gioiello congelato nel tempo.

Guatemala/Rodrigo Rey Rosa cambia pelle. E’ uscito 1986, la raccolta completa dei racconti dello scrittore guatemalteco. I grandi maestri del racconto in lingua spagnola sono stati Julio Cortazar, Jorge Luis Borges e Adolfo Bioy Casares. Con questa raccolta di testi brevi, a cui presto seguirà quella dei romanzi, il guatemalteco Rodrigo Rey Rosa (1958) non riesce a nascondere la sua ammirazione per l’argentino Borges. (Internazionale, Letras Libres, 3 aprile 2015)

Argentina/ Libri in lingua originale di: Gustavo Ferreyra, La Familia (Alfaguara): la storia di tre generazioni della famiglia argentina dei Correa Funes; Gloria Pampillo, Una Mala mujer (Cienvolando): romanzo che narra la storia di  una famiglia borghese di Buenos Aires negli anni più bui della recente storia argentina; Ariel Bermani, Furgon (Paisanita editora): viaggio in treno …onirico e assurdo; Andrea Matallana, Delicias y sapore. Desde Doña Petrona hasta nuestros dias (Capital intelectual): attraverso la cuoca Petrona l’autore racconta la storia e lo sviluppo socioeconomico dell’Argentina del novecento.  (Internazionale, 3 aprile 2015)

Escribe tu comentario!