MUSICA JAZZ: Francisco Mela da Bayamo

Una delle numerose interviste di MUSICA JAZZ di febbraio 2020 è dedicata al batterista FRANCISCO MELA, cubano, nato a Bayamo ma cresciuto artisticamente tra Santiago de Cuba e L’Avana. E proprio nella capitale fu l’ultimo batterista del fantastico pianista Emiliano Salvador, che scomparve prematuramente nel 1992

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Brasile, Cile, Cuba, cultura e tradizioni, Messico, Repubblica Dominicana

America Latina … in rassegna (02.06.2015)

2. giugno 2015 – 15:26No Comment
America Latina … in rassegna (02.06.2015)

Le notizie ‘latinoamericane’ selezionate per la rassegna di questa settimana parlano  in particolare di Cuba e di Messico,  poi di Argentina,  Cile,  Brasile, di Santo Domingo (capitale della Repubblica Dominicana) e  America Latina in generale.

America Latina/ I sacerdoti cristiani spina nel fianco dei poteri predatori. Sotto minaccia, combattono con le popolazioni dell’America latina nel nome della sostenibilità. Il vescovo della diocesi brasiliana di Xingù, Erwin Krautler, da dieci anni gira con la scorta. (Il Venerdì, Gabriella Saba, 29.05.2015)

Cuba/ L’Isola avrà l’ambasciatore USA. Da oggi Cuba non farà più parte della lista nera dei Paesi sponsor del terrorismo stilata da Washington. Castro darà l’ok all’apertura delle sedi diplomatiche e alla nomina dei rispettivi ambasciatori. (Il Venerdì, 29.05.2015)

Messico/La città dei morti. Più di un omicidio al giorno nel 2014. Il traffico di droga superato solo da quello di esseri umani che cercano di passare il confine con gli USA. Ciudad Juárez, anche se ora sembra aver ritrovato un po’ di normalità, è il luogo più pericoloso del mondo. (Il Venerdì, di Giovanni Porzio, 29.05.2015)

Argentina/ Lo scoop dell’Argentina: l’accusatore del Papa era al soldo dei militari. La notizia viene dall’Argentina ed è stata ripresa dai media spagnoli, francesi e americani. Su quelli dello Stivale, non ha avuto diritto neanche una citazione, ma nel Paese natale del Papa sta facendo molto rumore. (Il Venerdì, Cronache Celesti di Filippo Di Giacomo, 29.05.2015)

Messico/¡Que Viva Eisenstein!Nel 1931 il regista russo va in Messico, ma invece di lavorare si innamora di un antropologo e perde la verginità. Di questo parla Peter Greenaway nel suo nuovo film: “Perché la vita è di gran lunga preferibile al cinema”.  Nel 1931, a trentatré anni,  Sergei Eisenstein non aveva mai fatto l’amore… (Il Venerdì, Giacomo Papi, 29.05.2015)

Argentina/ La Biblioteca di Babele? Borges sbagliava i calcoli. “L’universo (che altri chiamano la Biblioteca) si compone d’un numero indefinito, e forse infinito, di gallerie esagonali, con vasti pozzi di ventilazione nel mezzo…”. Incomincia così la Biblioteca di Babele, sicuramente  uno dei racconti cui più Borges ha legato il proprio mito. (La Repubblica, R2 Cultura, di Michele Mari, 30 maggio 2015)

Cile/ Altri 500 anni al capo della polizia di Pinochet che ha 86 anni ed è già in prigione. Cinquantotto condanne definitive e oltre 500 anni di carcere. Non finiscono mai le sentenze a carico di Manuel Contreras, il generale che fu a capo della Dina, la polizia segreta del regime di Augusto Pinochet, responsabile della gran parte dei delitti durante la dittatura. (Sette|Latinos di Rocco Cotroneo, 29.05.2015)

Messico/ La battaglia sindacale delle fragole per un dollaro in più al giorno. Uno dei maggiori successi vantati dal Messico negli ultimi anni è la produzione di frutti di bosco destinati agli Stati Uniti: dal 2005 ad oggi la quantità esportata verso nord di fragole, more e lamponi è cresciuta di 17 volte. (Sette|Latinos di Rocco Cotroneo, 29.05.2015)

Brasile/Il salvagente cinese. Maxi accordo Brasilia- Pechino. E cade anche l’embargo sulla carne. Da qualche anno suo principale partner commerciale, la Cina ha deciso di lanciare un salvagente in aiuto del Brasile, la cui economia è in piena recessione. … Si tratta di finanziamenti e accordi per ben 53 miliardi di dollari. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 29.05.2015)

Cuba/Fanfani, il pragmatico demo comunista,“Fu protagonista nella crisi dei missili di Cuba”, ricorda Ettore Bernabei…. Nei giorni del 1962 che fecero tremare il mondo: la crisi dei missili a Cuna tra Usa e Urss. …L’idea lanciata dal governo italiano italiano fu determinante per convincere Kruscev a ordinare il ritiro dei missili a Cuba in cambio del ritiro dei missili dalle basi in Turchia e in Italia. (Sette| Il mio eroe, di Salvatore Giannella, 29.05.2015)

Cuba/I gringos sbarcano a L’Avana. Sigari, rum e auto anni ’50. Gli americani non vedevano l’ora di tornare sul Malecón. Turisti, per adesso. Ma c’è una partita più ricca: gli investimenti in porti, edilizia, energia. Che il regime vuole giocare con calma. … Da inizio anno già in 50mila sono arrivati grazie alle nuove regole di Washington.  Ma a “sondare” il cambiamento arrivano anche le società di import/export e Ong. (La Repubblica, di Omero Ciai, 28.05.2015)

Cuba/ Abel Fernandez Larrea. “Ci sentiamo più liberi ma ormai Cuba è vuota”. Intervista al romanziere Abel Fernandez Larrea è di Anna Lombardi. (La Repubblica, 28.05.2015)

Rep. Dominicana/ Santo Domingo. Bachata, merengue e zuppa di aragosta. Sazon e sofrito, rum e dorado: cosa provare nella capitale Dominicana.  E’ la più vecchia città del Nuovo Mondo ed è fiera del suo primato: qui è nata la prima università, il primo ospedale, la prima strada e la Catedral Primada de America. (La Repubblica – R Viaggi, di Federico De Cesare Viola, 27.05.2015)

Escribe tu comentario!