MUSICA JAZZ: Francisco Mela da Bayamo

Una delle numerose interviste di MUSICA JAZZ di febbraio 2020 è dedicata al batterista FRANCISCO MELA, cubano, nato a Bayamo ma cresciuto artisticamente tra Santiago de Cuba e L’Avana. E proprio nella capitale fu l’ultimo batterista del fantastico pianista Emiliano Salvador, che scomparve prematuramente nel 1992

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Bolivia, Brasile, Cile, Cuba, Messico, Perù, Stati Uniti, Venezuela

America Latina … in rassegna (25.08.2015)

25. agosto 2015 – 20:32No Comment
America Latina … in rassegna (25.08.2015)

Le notizie latinoamericane di questo numero parlano di fatti riguardanti Argentina, Brasile, Cuba, Venezuela, Messico, Perù, Bolivia e Cile.

Brasile/Manifestazioni contro Dilma. Contro la corruzione e un’economia debole, centinaia di migliaia di brasiliani sono scesi in strada, insoddisfatti della presidente Dilma Rousseff. Secondo la polizia vi hanno preso parte circa 870 mila persone. La presidente ha convocato una sessione di crisi. Le proteste sono state pacifiche: a Rio i manifestanti hanno chiesto che Rousseff e l’ex presidente Luis Inacio Lula da Silva siano arrestati.  La scritta principale sui cartellie e gli striscioni era “Fora Dilma, Dilma vattene!”(18 agosto 2015)

Cuba/ La “nuova” Cuba e l’opportunismo di certi intellettuali. Adesso che la bandiera dell’altra America sventola a L’Avana, scrittori e poeti sfuggiti “al comunismo” si arrendono alla speranza e preparano il ritorno…  tra questi Norberto Fuentes. Metà della letteratura cubana è scritta con l’inchiostro avvelenato dell’esilio. (Il Fatto Quotidiano, Maurizio Chierici, 18.08.2015)

Perù/Assalto a Machu Picchu. Troppi turisti a Machu Picchu. Ben 3 mila 300 al giorno, circa un milione l’anno. La cittadella Inca, una delle sette meraviglie del mondo, è a rischio, non riuscendo a sostenere una simile pressione. L’Unesco ha deciso di inviare in Perù tre missioni. (L’Espresso, 20 agosto, Cl.Pi)

Brasile/Pugni in faccia a Uber. Anche a San Paolo, come in tutte le grandi metropoli del mondo, il dualismo tra tassisti e Uber è molto acceso. Ma qui un gruppo di titolari di auto gialle ha pensato di farsi giustizia con le proprie mani. Giorni fa un automobilista aderente alla app californiana è stato attirato in una trappola, sequestrato e aggredito da un gruppo di tassisti in un quartiere elegante della città. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 21.08.2015)

Venezuela/Allarme farmaci. La mancanza di farmaci di prima necessità in Venezuela è giunta a tal punto che alcuni pazienti hanno iniziato ad accaparrare medicine simili per uso veterinario. La denuncia della Federazione delle farmacie, che parla di un indice di scarsità del 70 per cento, fa il caso del prednisone, un immunosoppressore necessario dopo i trapianti per evitare effetti di rigetto negli organi e la cui assunzione non si può sospendere nemmeno per un giorno. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 21.08.2015)

Cuba/ La “nuova” Cuba e l’opportunismo di certi intellettuali. Adesso che la bandiera dell’altra America sventola a L’Avana, scrittori e poeti sfuggiti “al comunismo” si arrendono alla speranza e preparano il ritorno. Da Miami, Messico, Spagna, lontananza rabbiosa con la penna che non perdona. …metà della letteratura cubana è scritta con l’inchiostro avvelenato dall’esilio. (Il Fatto Quotidiano, 18.08.2015 Maurizio Chierici)

Brasile/ Senza vie d’uscita. Vedere la gente in strada fa sempre impressione, soprattutto in un paese con una scarsa tradizione di mobilitazioni popolari come il Brasile. E sarebbe scorretto dire che il 16 agosto non è sceso in piazza il popolo ma solo la classe media. (Internazionale, Clovis Rossi, 21.08.2015)

Brasile/Crescono i morti “di polizia”. Amnesty International denuncia la polizia brasiliana: negli ultimi dieci anni le forze dell’ordine di Rio de Janeiro hanno ucciso oltre cinquemila persone nelle operazioni di messa in sicurezza delle favelas. (Il Venerdì, 21.08.2015)

Messico/ I giornalisti messicani sempre più in pericolo. Il 31 luglio il fotoreporter Ruben Espinosa è stato trovato morto in un appartamento di Città del Messico.  Insieme a lui sono state uccise 4 donne, tra cui l’attivista e avvocata Nadia Vera. Le sue foto avevano irritato il governatore di Veracruz. Il ricordo della giornalista Lydia Cacho. (Internazionale, 21.08.2015)

Messico/ Strani cartelli. Quello di Sinaloa è diventato più potente durante la detenzione del boss Guzmán. Durante la detenzione del boss Joaquin Guzmán, detto El Chapo, il cartello di Sinaloa è diventato più potente nello scenario del narcotraffico messicano, invece di indebolirsi. E’ la prima conclusione cui è giunta la procura nazionale e riportata dal quotidiano El Universal. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 21.08.2015)

Argentina/ Il kirchnerismo è debole, ma l’opposizione non è forte. Il kirchnerismo è più debole, se un membro della famiglia non è in lizza, ma l’opposizione non ha ancora la forza per conquistare il potere in Argentina. …Per Cristina Kirchner, in uscita, il risultato è soddisfacente solo in parte: il suo candidato, Daniel Scioli, avrebbe al momento poco più del 38 per cento dei consensi, molto vicino al secondo collocato, l’ex sindaco di Buenos Aires, Mauricio Macri, che ha preso il 30 per cento. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 21.08.2015)

Argentina/ Una musa chiamata Patagonia. Ispirò Darwin, i racconti di Bayer e Sepùlveda: un triangolo amoroso alla Jules e Jim. Fino a Charwin, che la rese metafora.  Adrian Gimenez Hutton, autore di Chatwin in Patagonia (Nutrimenti, 2015), segue passo dopo passo il viaggio di Chatwin nella terra dei mastodonti, dei pinguini, delle tigri dai denti a sciabola, dei bandidos gringos…(Sette|Saggistica di Diego Gabutti, 21.08.2015)

Perù/”Geniale e spaventoso”: così Mario Vargas Llosa nel 2005, quando scoppiò lo scandalo…verificare se negli archivi dei campi di sterminio nazisti di Mauthausen e di Flossenburg compariva il nome di Enric Marco, … conosciuto come “il deportato numero 6.448”. (Il Venerdì, 21.08.2015)

Cile/La commissione salute della camera cilena ha autorizzato il parlamento a votare una riforma, proposta dalla presidente Michelle Bachelet, che consente l’aborto in tre casi: pericolo di vita della madre, malformazione del feto, violenza sessuale. (Internazionale, 21.08.2015)

Bolivia/ Scontri alla miniera. Un poliziotto boliviano è rimasto ucciso negli scontri con alcune persone che manifestavano nei pressi di una miniera a Tacacoma, una città a circa duecento chilometri da La Paz.  I manifestanti, che appartengono a comunità indigene locali, sostengono che la miniera si trova su terreni di loro proprietà. (Internazionale, 21.08.2015)

Cuba/Stati Uniti. Stelle e strisce all’Avana. Il 14 agosto gli Stati Uniti hanno riaperto la loro ambasciata a Cuba, 54 anni dopo l’interruzione delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. …il segretario di stato statunitense Kerry ha detto che “ gli Stati Uniti restano convinti che il popolo di Cuba avrebbe bisogno di un governo democratico …e che l’amministrazione Obama è favorevole alla fine dell’embargo, ma che la decisione spetta al congresso. (Internazionale, 21.08.2015)

Escribe tu comentario!