GIOVANNI GUIDI Digital Tour on Crossoroads

Parte dal festival Crossroads il Digital Tour del pianista Giovanni Guidi. L’appuntamento è per venerdì 27 marzo alle ore 18:30, quando l’esibizione in piano solo di Giovanni Guidi sarà fruibile in diretta dalla pagina facebook di Crossroads, il festival itinerante organizzato da Jazz Network e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » latin jazz, live jazz, musica

Bologna, un mese di Jazz

19. ottobre 2015 – 22:38No Comment
Bologna, un mese di Jazz

Dieci concerti in teatro per i dieci anni del Bologna Jazz Festival. Ma per l’edizione del decennale il festival jazz bolognese entrerà anche nei più rinomati live club cittadini, oltre ad avere estensioni fuori porta: a Ferrara, San Lazzaro di Savena e Pieve di Cento. Il Bologna Jazz Festival 2015 andrà in scena ogni sera dal 24 ottobre sino al 26 novembre. Si inizia alla grande  sabato 24 con il quartetto di Ron Carter.

Un mese ininterrotto di concerti, master class e altri eventi per una full immersion nella jazz life internazionale e italiana. Una formula magniloquente per durata e numero di artisti coinvolti. Quest’anno il BJF ingrana una marcia in più, raddoppiando il numero di concerti principali nei teatri: il trio di Brad Mehldau, Ron Carter (con il quartetto “Foursight”), Kenny Garrett in quintetto, i James Farm (quartetto nel cui organico spicca una star come Joshua Redman), Children of the Light (ovvero Danilo Pérez, John Patitucci e Brian Blade), Terence Blanchard con l’E-Collective, il Mark Turner Quartet, Enrico Rava con il suo nuovo gruppo, Sylvie Courvoisier in duo con Mark Feldman, Volcan (con Gonzalo Rubalcaba, Jose Armando Gola, Horacio “El Negro” Hernandez, Giovanni Hidalgo – foto a sinistra). È evidente la ricchezza di generi, stili, approcci, con l’attenzione concentrata sul cuore statunitense della musica afro-americana ma con diramazioni verso l’esotismo caraibico e il jazz italiano. Tra le sale coinvolte spicca la novità del Teatro Comunale di Bologna: il BJF si riallaccia così alla memoria storica dei concerti jazz ospitati nel teatro d’opera cittadino sino agli anni Settanta. Si suonerà poi all’Unipol Auditorium, al Teatro Arena del Sole, al Teatro Duse, alla Sala Paradiso di San Lazzaro di Savena, al Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.

Anche il circuito dei club promette una vivace animazione musicale. Tra Cantina Bentivoglio, Take Five, Bravo Caffè, Locomotiv Club (a Bologna) e il Torrione Jazz Club (a Ferrara) si ascolteranno i quartetti di Gary Bartz, Miguel Zenón, Bennie Maupin, Ray Anderson, gli Equality di Nasheet Waits, il gruppo Decay di Tim Berne, i São Paulo Underground & Black Cube SP di Rob Mazurek, il duo che affianca Gregoire Maret e Kevin Hays, il settetto di Christian Scott, il trio di Johnny O’Neal, le band di Marcos Valle, Kamasi Washington e di un mito delle tastiere come Eumir Deodato. In rappresentanza del jazz italiano ci saranno, tra gli altri, i Marea Blues Mediterraneo con Fabrizio Bosso, il quintetto di Piero Bittolo Bon, i gruppi dei pianisti Antonio Faraò, Alessandro Lanzoni, Giovanni Guidi e Fabio Giachino.

Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica in convenzione con Comune di Bologna e con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol e del main partner Gruppo Hera.

L’edizione 2015 del Bologna Jazz Festival sarà inaugurata sabato 24 ottobre all’Arena del Sole dal contrabbassista Ron Carter. Figura mitologica del jazz, colonna portante del quintetto di Miles Davis negli anni Sessanta, Carter si presenterà con il suo quartetto “Foursight”, una band senza fiati che lascia alle sue dita gran parte del lavoro solistico. Ricchezza di spunti tematici, di trame ritmiche, di citazioni che si intrecciano in un vasto affresco: quella di Carter è una musica dalla densità coloristica tropicale.

Il primo dei due concerti previsti alla Sala Paradiso di San Lazzaro di Savena, realizzati in collaborazione con l’Arci San Lazzaro, sarà martedì 27 ottobre con il sassofonista Kenny Garrett, anche lui ‘lanciato’ da Miles Davis, nella band elettrica degli anni Ottanta. Il quintetto di Garrett, decorato dal tocco latineggiante delle percussioni, diffonde una vulcanica energia, sull’onda della quale il sassofonista trascina il pubblico verso finali da standing ovation.

Ben tre concerti saranno ospitati dall’Unipol Auditorium. Il primo, venerdì 30 ottobre, sarà con Children of the Light, trio che affianca tre grandi leader come il pianista Danilo Pérez, il bassista John Patitucci e il batterista Brian Blade. Celeberrimi come sezione ritmica del quartetto di Wayne Shorter, solo da poco tempo hanno iniziato a esibirsi come trio, dando vita a una musica dall’enorme potere immaginifico, che rinnova i ruoli e gli schemi del trio con pianoforte, spazzando via spavaldamente ogni elemento di prevedibilità dal linguaggio jazzistico.

Sempre all’Unipol Auditorium si terrà, venerdì 6 novembre, il concerto del quartetto del sassofonista Mark Turner. Una formazione recentemente rilanciata dall’incisione di Lathe of Heaven per la ECM, il cui repertorio fornirà le basi per uno spettacolo che porta a sintesi l’impostazione del jazz cameristico, il vigoroso sound ereditato dalla tradizione bop, l’improvvisazione più libera da schemi.

Di grande rilievo è il concerto che si terrà al Teatro Duse martedì 10 novembre, con i James Farm, un quartetto che raccoglie alcuni dei nomi più altisonanti del mainstream contemporaneo: il sassofonista Joshua Redman, il pianista Aaron Parks, il bassista Matt Penman e il batterista Eric Harland. Una band che definisce lo stato dell’arte del contemporary jazz della east coast, trasportato in una dimensione di sublime accessibilità per l’ascoltatore: fibrillazione ritmica, interventi solistici incastonati in un superbo interplay, raffinatezza urbana.

Sabato 14 novembre il Bologna Jazz Festival entra per la prima volta al Teatro Comunale di Bologna, con un concerto pomeridiano che si terrà nel Foyer Respighi. Protagonisti la pianista Sylvie Courvoisier e il violinista Mark Feldman: un duo che getta un ponte fra la cultura della musica classica e il jazz con incredibile intensità, immaginazione e toccante lirismo.

Lunedì 16 novembre il festival torna alla Sala Paradiso di San Lazzaro di Savena con il trombettista Enrico Rava e il suo New Quartet, formazione forte dell’esuberanza e la freschezza della gioventù: anagrafica per i tre partner del grande trombettista, di spirito per Rava, che continua a essere un leader indomito e non certo intenzionato ad adagiarsi su cliché né sulla ripetizione di repertori e formazioni di routine.

Si torna ancora all’Unipol Auditorium martedì 17 novembre, con uno dei più grandi esponenti della tromba jazz dagli anni Ottanta in qua: Terence Blanchard. Lo accompagnerà l’E-Collective, con il quale ha da poco pubblicato l’album Breathless (Blue Note): una band elettrica che si pone al crocevia tra jazz, funk, R&B, fusion. Una prova di grande maturità per Blanchard, capace di muoversi con disinvoltura tra linguaggi anche distanti dal suo prediletto hard bop.

Serata di grande prestigio quella di lunedì 23 novembre: il festival entra in grande stile al Teatro Comunale di Bologna, con il trio del pianista Brad Mehldau, band di fama planetaria che trasporta le classiche caratteristiche di questo organico (eleganza armonica, scavo introspettivo, lirismo melodico) in un contesto contemporaneo, anche nelle scelte di repertorio.

La decima edizione del Bologna Jazz Festival si chiuderà in trasferta a Ferrara: qui, giovedì 26 novembre al Teatro Comunale Claudio Abbado, Ferrara Musica produce in co-promozione con il BJF il supergruppo latineggiante Volcan. Magmatico e irruente, questo quartetto nasce per opera del superlativo pianista cubano Gonzalo Rubalcaba, che chiama attorno a sé una ritmica che sembra un film di supereroi: il bassista Jose Armando Gola, il batterista Horacio “El Negro” Hernandez e il percussionista Giovanni Hidalgo.

A tutto ciò si aggiunge la nuova collaborazione del festival col Teatro Comunale Alice Zeppilli di Pieve di Cento che ospiterà un concerto pomeridiano con la cantante Mietta e il gruppo Marea (8 novembre).

Una ricca programmazione di concerti nei live club darà continuità al cartellone festivaliero, coinvolgendo un numero di locali più ampio che mai in precedenza.

Storica sede del festival, la Cantina Bentivoglio apre le porte a concerti di notevole caratura: dall’infuocato bop del sassofonista Gary Bartz (in quartetto l’1 novembre) al jazz più riflessivo e venato di spunti caraibici di un altro nome di spicco del sax: Miguel Zenón (il 5). Serata stuzzicante il 18 con il trio del pianista-cantante Johnny O’Neal, raffinati intimismi il 24 con il duo armonica-pianoforte formato da Gregoire Maret e Kevin Hays, mentre il jazz italiano sarà rappresentato dal trio del pianista Giovanni Guidi (l’11).

A Ferrara, l’altro storico club associato al BJF, il Torrione Jazz Club, mette in programma una spettacolare antologia del jazz statunitense: anche qui si ascolterà Gary Bartz (il 31 ottobre), poi arriveranno i vigorosi Equality del batterista Nasheet Waits (7 novembre), gli avvincenti cortocircuiti tra modernità e tradizione dell’Organic Quartet del trombonista Ray Anderson (il 13), il sulfureo post-modernismo dei Decay del sassofonista Tim Berne (il 14), le visionarie sperimentazioni elettro-jazz-latine del cornettista Rob Mazurek (il 20), l’eco del grande jazz degli anni Settanta con le ance di Bennie Maupin (in quartetto, il 21).

Grazie alla collaborazione con l’Arci Bologna, il Take Five torna a ospitare concerti del BJF, con una programmazione che privilegia il jazz italiano: incorniciati tra le esibizioni dei Falsos Brasileiros (26 ottobre) e del trio del pianista Fabio Giachino (26 novembre), si ascolteranno il piano trio di Alessandro Lanzoni (28 ottobre), i particolari impasti sonori dei Marea Blues Mediterraneo (3 novembre, con ospite d’eccezione la tromba di Fabrizio Bosso) e del quintetto del sassofonista Piero Bittolo Bon (il 19). Ma il Take Five ospiterà anche i Decay di Tim Berne (il 15). A tutto ciò si aggiungono gli appuntamenti della sezione ’round midnight: concerti after hours (dalle ore 23) per continuare a vivere la notte in jazz dopo l’appuntamento principale a teatro: con Barend Middelhoff (24 ottobre), l’iraniano Quartet Diminished (10 novembre), il Duo Improbabile (23 novembre).

Come sempre audace e variegata la programmazione musicale del Bravo Caffè: si va dal jazz solidamente ancorato alla tradizione ma anche decisamente attualizzato del quartetto del pianista Antonio Faraò (29 ottobre) e del settetto del trombettista Christian Scott (12 novembre), a uno storico esponente della musica brasiliana come il cantante-pianista Marcos Valle (il 4), alla fusion travolgente di un altro brasiliano, il celeberrimo tastierista Eumir Deodato (il 25).

Entra per la prima volta nell’orbita del BJF uno dei più vivaci e intraprendenti locali musicali di Bologna, il Locomotiv Club, che ospiterà la band del sassofonista Kamasi Washington, rivelazione di un jazz che può ancora essere epico e globale (9 novembre).

Realizzato grazie al contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, il Progetto Didattico “Massimo Mutti” giunge alla sua terza edizione: un percorso formativo, dal 15 al 26 novembre, riservato agli allievi del Dipartimento Jazz del Conservatorio di Bologna e del Liceo Musicale “L. Dalla” di Bologna, che potranno confrontarsi con docenti del calibro di Tim Berne, Terence Blanchard, Enrico Rava. Momento culminante dell’attività didattica sarà un saggio in forma di concerto degli allievi (diretti da Enrico Rava, Alfonso Santimone e Piero Bittolo Bon), che farà da apertura all’esibizione della Big Band del Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna diretta da Michele Corcella su musiche di Billy Strayhorn: il 22 novembre all’Oratorio di San Filippo Neri con un doppio appuntamento (pomeridiano e serale). In apertura del concerto serale verrà consegnato il Premio “Massimo Mutti”, consistente in due borse di studio per i corsi internazionali di perfezionamento estivi 2016, realizzati dalla Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz.

Non solo concerti nel cartellone del BJF: ci sono anche le conferenze aperte al pubblico di Terence Blanchard (il pomeriggio del 16 novembre al Cinema Lumiére, seguita dalla proiezione del film di Spike Lee La 25ª ora) e di Michele Corcella su Billy Strayhorn (il 17 novembre al Conservatorio); la mostra collettiva “Cromatismi Jazz”, prodotta da Terre Rare e allestita alla Galleria Terre Rare (inaugurerà il 25 ottobre e rimarrà aperta sino al 21 novembre); le lezioni musicali “Jazz Insights” ideate dal pianista Emiliano Pintori: quattro appuntamenti pomeridiani (nei giorni 7, 14, 21, 28 novembre) dedicati nell’ordine a Frank Sinatra, Billie Holiday, Billy Strayhorn e Nat King Cole che si terranno al Museo Internazionale e Biblioteca della Musica a Palazzo Sanguinetti.

PROGRAMMA

Sabato 24 ottobre

Bologna, Teatro Arena Del Sole, ore 21:15

Ron Carter “Foursight”

“Dear Miles”

Renee Rosnes, pianoforte; Ron Carter, contrabbasso;

Payton Crossley, batteria; Rolando Morales-Matos, percussioni

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 23

’round midnight

BAREND MIDDELHOFF TRIO

Barend Middelhoff, sax tenore; Stefano Senni, contrabasso; Alessandro Minetto, batteria

Lunedì 26 ottobre

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30

Falsos Brasileiros

Silvia Donati, voce; Achille Succi, clarinetto basso e sax alto;

Giancarlo Bianchetti, chitarra e cavaquinho; Roberto Rossi, batteria e percussioni

Martedì 27 ottobre

San Lazzaro di Savena (BO), Sala Paradiso, ore 22

Kenny Garrett Quintet

“Pushing the World Away”

Kenny Garrett, sax alto e soprano; Vernell Brown, pianoforte;

Corcoran Holt, contrabbasso; Marcus Baylor, batteria; Rudy Bird, percussioni

Mercoledì 28 ottobre

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30

Alessandro Lanzoni Trio

Alessandro Lanzoni, pianoforte; Matteo Bortone, contrabbasso; Enrico Morello, batteria

Giovedì 29 ottobre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22

Antonio Faraò Quartet

Mauro Negri, sassofoni; Antonio Faraò, pianoforte;

Martin Gjakonowski, contrabbasso; Mauro Beggio, batteria

Venerdì 30 ottobre

Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15

Children of the Light

Danilo Pérez, pianoforte;

John Patitucci, basso elettrico e contrabbasso; Brian Blade, batteria

Sabato 31 ottobre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

&

Domenica 1 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 13

Gary Bartz Quartet

Gary Bartz, sax alto e soprano; Barney McAll, pianoforte;

James King, contrabbasso; Greg Bandy, batteria

Martedì 3 novembre

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30

MAREA BLUES MEDITERRANEO

featuring FABRIZIO BOSSO

Fabrizio Bosso, tromba; Andrea Dessì, chitarra;

Massimo Tagliata, pianoforte; Andrea Taravelli, contrabbasso; Gianluca Nanni, batteria

Mercoledì 4 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22

Marcos Valle

Marcos Valle, pianoforte, chitarra e voce; Patricia Valle, voce;

Jesse Sadoc, tromba; Kevin James Glasgow, basso; Jose Renato, batteria

Giovedì 5 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22

Miguel ZenÓn Quartet

Miguel Zenón, sax alto; Luis Perdomo, pianoforte;

Hans Glawishnig, contrabbasso; Henry Cole, batteria

Venerdì 6 novembre

Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15

Mark Turner Quartet

Mark Turner, sax tenore; Avishai Cohen, tromba;

Joe Martin, contrabbasso; Obed Calvaire, batteria

Sabato 7 novembre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

Nasheet Waits “Equality”

Darius Jones, sax alto; Aruan Ortiz, pianoforte;

Mark Helias, contrabbasso; Nasheet Waits, batteria

Domenica 8 novembre

Pieve di Cento (BO), Teatro Comunale Alice Zeppilli, ore 17

MIETTA e MAREA

“Jazz Songs”

Mietta, voce; Andrea Dessì, chitarra; Massimo Tagliata, pianoforte e fisarmonica;

Andrea Taravelli, basso; Gianluca Nanni, batteria

Lunedì 9 novembre

Bologna, Locomotiv Club, ore 21:30

Kamasi Washington

Kamasi Washington, sassofoni; Patrice Pitman Quinn, voce; Ryan Porter, trombone;

Brandon Coleman, tastiere; Mosley Abraham, contrabbasso;

Antonio Austin, batteria; Ronald Bruner Jr, batteria

Martedì 10 novembre

Bologna, Teatro Duse, ore 21:15

James Farm

Joshua Redman, sax tenore e soprano; Aaron Parks, pianoforte;

Matt Penman, contrabbasso; Eric Harland, batteria

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 23

’round midnight

QUARTET DIMINISHED

Peter Soleimanipour, sassofoni e clarinetti; Ehasan Sadigh, chitarra;

Mazyar Younesi, pianoforte e voce; Javad Fadavi, batteria

Mercoledì 11 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22

Giovanni Guidi Trio

Giovanni Guidi, pianoforte; Thomas Morgan, contrabbasso; João Lobo, batteria

in collaborazione con Young Jazz

Giovedì 12 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22

Christian Scott SEPTET

Christian Scott, tromba; Braxton Cook, sassofoni; Elena Pinderhughes, flauto;

Dominic Minix, chitarra; Lawrence Fields, pianoforte;

Kris Funn, contrabbasso; Corey Fonville, batteria

Venerdì 13 novembre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

Ray Anderson’s Organic Quartet

Ray Anderson, trombone e voce; Gary Versace, organo;

Steve Salerno, chitarra; Tommy Campbell, batteria

Sabato 14 novembre

Bologna, Foyer Respighi/Teatro Comunale di Bologna, ore 17

Sylvie Courvoisier-Mark Feldman Duo

Sylvie Courvoisier, pianoforte; Mark Feldman, violino

Sabato 14 novembre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

&

Domenica 15 novembre

Bologna, Take Five Genuine Music Club, Ore 21:30

Tim Berne “Decay

Tim Berne, sax alto; Ryan Ferreira, chitarra;

Michael Formanek, contrabbasso; Ches Smith, batteria e percussioni

Lunedì 16 novembre

San Lazzaro di Savena (BO), Sala Paradiso, ore 22

Enrico Rava New Quartet

“Wild Dance”

Enrico Rava, tromba; Francesco Diodati, chitarra;

Gabriele Evangelista, contrabbasso; Enrico Morello, batteria

Martedì 17 novembre

Bologna, Unipol Auditorium, ore 21:15

Terence Blanchard & The E-Collective

Terence Blanchard, tromba; Charles Altura, chitarra;

Fabian Almazan, pianoforte e tastiere;
Donald Ramsey,
basso elettrico e contrabbasso; Oscar Seaton, batteria

Mercoledì 18 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22

JOHNNY O’NEAL TRIO

Johnny O’Neal, pianoforte e voce; Luke Sellick , contrabbasso; Charles Goold, batteria

Giovedì 19 novembre

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30

Piero Bittolo Bon “BREAD & FOX” Quintet

Piero Bittolo Bon, sax alto, clarinetto basso; Filippo Vignato, trombone;

Beppe Scardino, sax baritono; Alfonso Santimone, pianoforte; Andrea Grillini, batteria

Venerdì 20 novembre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

Rob Mazurek São Paulo Underground & Black Cube SP

Rob Mazurek, cornetta ed elettronica; Mauricio Takara, cavaquinho, percussioni, elettronica;
Guilherme Granado, tastiere e voce; Thomas Rohrer, rabeca e sax soprano

Sabato 21 novembre

Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21:30

BENNIE MAUPIN QUARTET

Bennie Maupin, clarinetto basso, sassofoni, flauto; Michal Tokaj, pianoforte;

Michal Baranski, contrabbasso; Lukas Zyta, batteria

Domenica 22 novembre

Bologna, Oratorio di San Filippo Neri, ore 17:30 e ore 21:30

PROGETTO DIDATTICO “MASSIMO MUTTI”

BIG BAND DEL CONSERVATORIO “G.B. MARTINI” DI BOLOGNA

Musiche di Billy Strayhorn

Direzione della Big Band di Michele Corcella

SAGGIO IN FORMA DI CONCERTO

DEGLI ALLIEVI DEL CONSERVATORIO “G.B. MARTINI” DI BOLOGNA

Musiche di Tim Berne ed Enrico Rava

Direzione di Enrico Rava, Alfonso Santimone e Piero Bittolo Bon

Lunedì 23 novembre

Bologna, Teatro Comunale di Bologna, ore 21:15

Brad Mehldau Trio

Brad Mehldau, pianoforte;

Larry Grenadier, contrabbasso; Jeff Ballard, batteria

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 23

’round midnight

DUO IMPROBABILE

Virginia Guastella, pianoforte; Claudio Trotta, batteria

Musiche originali di Virginia Guastella

Martedì 24 novembre

Bologna, Cantina Bentivoglio, ore 22

Gregoire Maret-Kevin Hays 1+1

Gregoire Maret, armonica cromatica; Kevin Hays, pianoforte

Mercoledì 25 novembre

Bologna, Bravo Caffè, ore 22

Eumir Deodato Europa Xpress

Eumir Deodato, tastiere; Piero Odorici, sassofoni;
Daniele Santimone, chitarra; Pier Mingotti, contrabbasso; Stefano Paolini, batteria

Giovedì 26 novembre

Ferrara, Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara, ore 20:30

In collaborazione con Ferrara Musica

Volcan

Gonzalo Rubalcaba, pianoforte e tastiere; Jose Armando Gola, basso elettrico e contrabbasso;

Horacio “El Negro” Hernandez, batteria; Giovanni Hidalgo, percussioni

Giovedì 26 novembre

Bologna, Take Five Genuine Music Club, ore 21:30

Fabio Giachino Trio

Fabio Giachino, pianoforte; Davide Liberti, contrabbasso; Ruben Bellavia, batteria

***

ALTRI EVENTI

Domenica 25 ottobre

Bologna, Galleria Terre Rare, ore 17:30

una produzione di  Terre Rare

CROMATISMI JAZZ

inaugurazione mostra collettiva

Lunedì 16 novembre

Bologna, Cinema Lumiére, ore 15

incontro con

TERENCE BLANCHARD

ore 17:30

proiezione film

La 25ª ora di Spike Lee (USA/2002) (135′)

Martedì 17 novembre

Bologna, Conservatorio “G.B. Martini”, ore 14:30

conferenza di Michele Corcella

Blues in Orbit – La musica di Billy Strayhorn, compositore afroamericano

JAZZ INSIGHTS

Lezioni musicali con Emiliano Pintori

Bologna, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica – Palazzo Sanguinetti, ore 17

7 novembre: The Top Wop. Dedicato a Frank Sinatra

Emiliano Pintori, special guest Walter Ricci

14 novembre: Everything Happens for the Best. Dedicato a Billie Holiday

Eloisa Atti Quintet

21 novembre: Something to Live For. Dedicato a Billy Strayhorn

Emiliano Pintori, special guest Silvia Donati

28 novembre: Straighten Up and Fly Right. Dedicato a Nat King Cole

Emiliano Pintori

Informazioni:

Associazione Bologna in Musica

tel.: 334 7560434

e-mail: info@bolognajazzfestival.com

www.bolognajazzfestival.com

Escribe tu comentario!