ALESSANDRO SCALA, hard bop con nova Bossa Mossa

Il sassofonista emiliano romagnolo Alessandro Scala rispolvera “Bossa Mossa” con Barbara Casini. In attesa di questo appuntamento al Ravenna Jazz 2020 “Reloaded” (30 luglio, Rocca Brancaleone) Gian Franco Grilli l’ha raggiunto per ritornare su questo curioso progetto e per scoprire il suo trentennale percorso artistico.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Cuba, Ecuador, haiti, libri/cDVD, Perù

America Latina … in rassegna (27 aprile)

26. aprile 2016 – 22:36No Comment
America Latina … in rassegna (27 aprile)

Le notizie latinoamericane selezionate per questo appuntamento parlano molto di Brasile,  poi di Ecuador, Cuba, Cile, Bolivia, Perù, Haiti e Argentina.

Brasile/ 150 anni di Rio, la città delle Olimpiadi. Le foto di Marc Ferrez, del XIX secolo, al confronto con le panoramiche di Roberto Polidori. Passato e presente della baia più bella del mondo. … i portoghesi che nel 1502 approdarono nell’insenatura, convinti di solcare un fiume (rio) nel mese di gennaio (Janeiro).(Sette| Chiara Mariani, 22.04.2016)

Cuba/ Hemingway torna a Cuba. Dopo lunghe trattative, il film sul grande scrittore finalmente girato sulla “sua” isola. Non aveva senso girare un film sugli anni di Hemingway a Cuba senza mettere piede sull’isola. E così il regista Bob Yari ha smosso mezzo mondo e c’è riuscito. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 22.04.2016)

Brasile/ Dilma divide l’università americana. La frattura nella società brasiliana che ha accompagnato il processo di impeachment alla presidente Dilma Rousseff si riflette nel mondo accademico Usa. In un congresso della Brasa (Brazilian Studies Association), che si è svolto alla Brown University di Rhode Island, i 500 brasilianisti che studiano il Paese si sono divisi sull’approvazione di un manifesto. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 22.04.2016)

Cile/ Arrivano i Chicago Boys. E un altro pezzo di storia dell’America Latina arriva al cinema con Chicago Boys. Si tratta di un documento di due registi cileni sugli anni delle politiche neoliberali durante la dittatura di Augusto Pinochet. Il titolo si riferisce al soprannome con il quale venivano chiamati i consulenti arrivati dagli Stati Uniti per smontare l’economia e sopprimere i diritti dei lavoratori. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 22.04.2016)

Argentina/ Il gemello di Maradona. Più bravo. Amici per la pelle, a 13 anni giocavano nella stessa squadra, Diego con numero 10 e Gregorio, che faceva i gol, col 9. Poi “el Goyo” s’è rotto un ginocchio… Un docu-film racconta la sua storia. Buenos Aires. Diego Armando Maradono aveva come un fratello gemello, però più bravo di lui a giocare al pallone. (Il Venerdì,  Massimo Calandri, 22.04.2016)

Haiti/ Finalmente al voto (Forse). Dopo mesi di standby, dovrebbe svolgersi domenica prossima il secondo turno delle elezioni presidenziali interrotte e rinviate da dicembre in seguito agli scontri di piazza nel Paese più povero dell’America Latina. Il mandato dell’ex capo di Stato, Michel Martelly, è scaduto a febbraio ed è stato nominato ad interim il Presidente del Senato Jocelerme Privert. (Il Venerdì, 22.04.2016)

Perù/ Da Torino all’Amazzonia sulla via degli sciamani. Un gruppo di turisti (tra cui Filippo Timi) parte in cerca del canti “curativi” delle popolazioni della foresta: presentato al Tribeca film Festival, Icaros: a vision. (Il Venerdì, Gian Luca Favetto, 22.04.2016)

Cile/L’acqua ha memoria lunga e non scorda Pinochet. Regista di documentari importanti e belli con cui ha raccontato storia e memoria del Cile (La battaglia del Cile: il caso Pinochet; Salvador Allende), nel 2010 Patricio Guzman ha realizzato un documentario ambientato tra deserti e cieli cileni unendo astronomia, archeologia e dittatura. Il film si chiamava Nostalgia della luce e…dal 28 aprile sarà per la prima volta nelle sale italiane insieme al più recente lungometraggio di Guzman, La memoria dell’acqua, Orso d’argento per la sceneggiatura al Festival di Berlino 2015. (Il Venerdì, 22.02.2016)

Ecuador/Immagini. Sulle macerie. El Carmen, Ecuador, 17 aprile 2016. I soccorsi dopo il terremoto di magnitudo 7,8 sulla scala Richter che la notte del 16 aprile ha colpito il Paese, soprattutto la provincia costiera di Manabi. Le vittime accertate sono almeno 525 e i feriti migliaia. (Internazionale, 22 aprile 2016)

Brasile/Dilma Rousseff in bilico. Il 17 aprile i deputati brasiliani hanno approvato la procedura di messa in stato d’accusa della presidente, che ora dovrà passare al Senato. Una decisione che rischi di aggravare la crisi del Paese. (Internazionale, 22 aprile 2016)

Brasile/ Tutti corrotti. Paulo Maluf, un parlamentare brasiliano di 84 anni del Partito progressista (conservatore), è al centro di così tanti scandali di corruzione che a volte per difenderlo i suoi elettori dicono: “Rouba, mas faz” (Ruba, ma lavora). Maluf tuttavia afferma di essere stufo della corruzione del paese e per questo appoggia la destituzione di Dilma Rousseff.  (Internazionale, 22 aprile 2016)

Brasile/ Un paese senza identità. Dilma Rousseff e il suo Partito dei lavoratori sono vittime, ma hanno anche delle responsabilità. E dovrebbero riconoscerle, se vogliono rifondare la sinistra. Il 17 aprile, quando la camera dei deputati ha votato per aprire la procedura di messa in stato d’accusa della presidente Dilma Rousseff, la democrazia brasiliana è diventata una farsa. (Internazionale, 22.04.2016)

Brasile/ Le sfide di Michel Temer il possibile successore. Se Dilma Rousseff sarà destituita, il vicepresidente prenderà il suo posto. E dovrà unire tutte le forze politiche.  Temer non è né ermetico né logorroico, né vigliacco né eroe, né genio né ignorante, è il profilo ideale. (Internazionale, 22.04.2016)

Ecuador/ Soccorsi e ricostruzione. Il terremoto che la sera del 16 aprile ha colpito la zona nordoccidentale dell’Ecuadro, nella provincia di Manabì, “è stato uno dei più violenti degli vent’anni in America Latina”, scrive El Comercio. (Internazionale, 22.04.2016)

Cuba/ Generazione al tramonto. “Per l’inesorabile legge della vita questo congresso sarà l’ultimo diretto dalla generazione storica”, ha detto il 19 aprile Raul Castro nel discorso di chiusura del VII Congresso del Partito Comunista cubano. Castro, 84 anni, lascerà la presidenza nel 2018, ma ricoprirà fino al 20121 l’incarico di segretario generale del partito. Anche Fidel ha preso la parola: “sto per compiere 90 anni …e forse sarà l’ultima volta che parlerò davanti a quest’assemblea”. (Internazionale, 22.04.2016)

Cile/ Patricio Aylwin, primo presidente eletto del paese dopo la dittatura di Augusto Pinochet, è morto il 19 aprile a Santiago, aveva 97 anni.

Cuba/Sergio. Vibrazioni cubane. A Cuba è proibito importare sex toy e materiale pornografico di ogni genere, ma la domanda è alta. Così uno studente ha deciso di sfidare la legge e ha messo su una fiorente attività clandestina.  La gente ha sempre meno pregiudizi. Il sesso di gruppo, gli incontri casuali e l’uso della pornografia sono sempre più tollerati. E le vendite continuano ad aumentare. (Internazionale, 22.04.2016)

Bolivia/ E’ uscito un romanzo di Rodrigo Hasbun, Andarsene (Sur), una saga familiare boliviana. La tragica storia di una famiglia tedesca emigrata in Bolivia dopo la seconda guerra mondiale.

Escribe tu comentario!