HORACIO «EL NEGRO» & ITALUBA: clave, centro vitale del latin

Il batterista cubano HORACIO «El Negro» HERNANDEZ non necessita di presentazioni presso il pubblico dei latinjazzofili (ma anche del pop-rock jazz), e tanto meno ai frequentatori del Torrione di Ferrara dove, con il quartetto ITALUBA, …

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica, Portogallo, World music

Ravenna Jazz: Carmen Souza & Theo Pascal

7. maggio 2016 – 23:08No Comment
Ravenna Jazz: Carmen Souza & Theo Pascal

La cantante portoghese Carmen Souza e il bassista Theo Pascal saranno i protagonisti del primo di due concerti che si terranno al Teatro Socjale di Piangipane (RA) all’interno dell’edizione 2016 del festival Ravenna Jazz. Il loro quartetto, del quale fanno parte Nathaniel Facey al sax alto e Shane Forbes alla batteria, suonerà martedì 10 maggio (inizio alle ore 21:30): una miscela di sonorità world e forme improvvisative jazzistiche di grande appeal che ben si addice allo spirito d’ascolto esplorativo e informale di “Ravenna 43° Jazz Club”.

Profondamente radicato nella grande tradizione jazzistica, in omaggio a Sonny Rollins, sarà invece l’esibizione in solo del sassofonista Alessandro Scala per il concerto Aperitif pomeridiano: alle ore 18:30 presso il Due Dame (ingresso gratuito).

Carmen Souza e Theo Pascal uniscono nuovamente i loro talenti: Epistola (uscito nel 2015) arriva dopo ben altri sei dischi e una dozzina d’anni di collaborazione. In esso si trovano numerose canzoni originali che danno nuovo lustro alla lussureggiante musicalità della cantante portoghese, in cui le radici africane si avviluppano sulle forme del jazz. Anche le cover sono indicative di questo clima da jazz tropicale: da The Cape Verdean Blues di Horace Silver a Moonlight Serenade di Glenn Miller.

Nata a Lisbona nel 1981 da una famiglia originaria di Capo Verde, Carmen Souza si è imposta come una delle più interessanti voci della world music, nella cui ricetta ha fatto confluire ingredienti assai diversi, dal jazz al soul a varie musiche tradizionali africane. Con un’impostazione vocale che richiama le grandi cantanti jazz di colore, la Souza ha ‘dirottato’ la lezione di una Billie Holiday verso i temi più pittoreschi e i sapori esotici di una Cesária Évora.

Il talento del portoghese Theo Pascal, che ha affiancato Carmen Souza sin dai suoi esordi in veste di compositore, arrangiatore e produttore, viene ora pienamente riconosciuto grazie alla co-leadership di questo quartetto, oltre che del trio con la Souza ed Elias Kaco. Nella sua carriera, spicca anche la duratura collaborazione con un’altra stella della canzone portoghese: Sara Tavares.

Il sassofonista ravennate Alessandro Scala è noto nei giri del jazz, della bossa nova, del nu-jazz e del funk. In questi generi si cimenta sia alla testa di propri gruppi (nei quali compaiono spesso Flavio Boltro e Fabrizio Bosso) che in qualità di sideman al servizio di leader come Sam Paglia. Perfezionatosi anche sotto la guida di Jerry Bergonzi, Bob Mintzer, Steve Grossman e Rosario Giuliani, Scala ha accumulato nel corso degli anni un enorme numero di collaborazioni: da Bob Moses a Jimmy Owens, James Thompson, Simone Zanchini…

Il set in solitario di Scala “Sax for Sonny” è un gioco di interplay con se stesso, un omaggio a Sonny Rollins che si trasforma in un viaggio nell’avventuroso labirinto del jazz fra tradizione e modernità.

Informazioni

Jazz Network, tel. 0544 405666, fax 0544 405656

e-mail: ejn@ejn.it

Escribe tu comentario!