Ravenna JAZZ 2020: dal 30 giugno al 14 novembre

Ravenna Jazz 2020 “Reloaded”: la quarantasettesima edizione dello storico festival ravennate torna a proporsi in versione letteralmente “ricaricata” -post-Covid. Stesso numero di serate a quelle annullate per emergenza pandemia ma distribuite nel corso di vari mesi: dal 30 giugno al 14 novembre 2020.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica

Ferrara in Jazz: Hobby Horse + Jam session

11. maggio 2016 – 21:51No Comment
Ferrara in Jazz: Hobby Horse + Jam session

È con l’esplosiva creatività di Hobby Horse che, giovedì 12 maggio ore 21.30, il Clandestino di via Ragno chiude in bellezza l’edizione primaverile di Downtown Tower realizzata in collaborazione con Jazz Club Ferrara.La band, formata da Dan Kinzelman (fiati, elettronica e voce), Joe Rehmer (contrabbasso, elettronica e voce) e Stefano Tamborrino (batteria, percussioni, elettronica e voce), presenterà “Rocketdine”, nuovo lavoro edito da Parco della Musica Records.

Incrocio coinvolgente tra improvvisazioni ipnotiche e dirompente dinamicità̀, la musica di Hobby Horse varca i confini di genere con influenze free jazz, ambient, rock e sprazzi di musica elettronica. Il repertorio proposto consiste principalmente in pezzi originali, composti appositamente per la formazione, con l’aggiunta di brani tratti da Tom Waits, Robert Wyatt e Thelonius Monk.

Mescolando un senso melodico delicato e sottile, dinamiche propulsive ed un interplay pressoché telepatico, Hobby Horse ha sviluppato un suono profondamente originale, frutto di un percorso di ricerca intrapreso già dalle prime performance del 2010. Dopo “Eponymous” (Parco della Musica Records, 2013) e “Lives”, raccolta uscita nel 2015 in allegato a Musica Jazz, è tempo di “Rocketdine”, un disco potente, che pur stupendo per la sua sua carica innovativa non tradisce le aspettative di pubblico e critica. Tenebrose atmosfere elettroniche, vamp evocativi e violente esplosioni di energia vengono unite, attraverso una sottile corrente di lirismo, a delicate parentesi narrative che più si avvicinano alla musica da camera. Composizione e improvvisazione si dispiegano in direzioni imprevedibili ma consequenziali, eliminando quasi del tutto l’assolo tradizionale in favore di un dialogo ricco e profondo in cui le scelte timbriche, dinamiche, melodiche e armoniche assumono un ruolo di pari importanza. Il risultato è un’esperienza di ascolto sorprendente e affascinante, difficile da categorizzare.

Segue il concerto l’infuocata jam session. Info su www.jazzclubferrara.com.

Escribe tu comentario!