Bologna Jazz Festival 2019 in 33 giorni

Diciamolo subito: nel favoloso Bologna Jazz Festival 2019 (25 ottobre-26 novembre) spiccano nel cast artistico le presenze di Pat Metheny (che chiuderà il festival) e del disegnatore Altan, che firma l’immagine della rassegna emiliano romagnola. Tra i protagonisti di questa estesa programmazione (da Bologna a Forlì) anche star del Jazz latino & dintorni, come il brasiliano Hermeto Pascoal, i cubani del gruppo di Horacio El Negro Hernandez, Chucho Valdés (prodotto da teatro EuropAuditorium) e Eddie Gomez.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Messico, Nicaragua, Venezuela

America Latina … in rassegna (21.08.2016)

21. agosto 2016 – 18:58No Comment
America Latina … in rassegna (21.08.2016)

Le notizie latinoamericane selezionate questa settimana parlano di Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Messico, Nicaragua e Venezuela.

Brasile/ Per combattere il crimine si deve cambiare la polizia. Rio de Janeiro vista dall’antropologo Luiz Eduardo Soares. Via l’aspetto repressivo, bisogna avvicinarsi ai più umili. Lula e Rousseff hanno preferito altri interventi. Ora si rischia il tracollo. Qui l’impunità è selettiva: neri, poveri e giovani finiscono dentro per due grammi di droga, i bianchi e ricchi pescati con lo stesso quantitativo no. (Sette| Rocco Cotroneo, 19.08.2016)

Brasile/ Io colf, difendo voi colf. Ha creato una pagina Facebook per raccogliere le umiliazioni subite dalle domestiche. Ha lavorato sette anni come domestica, oggi è professoressa di storia. Si chiama Joyce Fernandes, nera, 31enne creatrice della pagina “Eu empregada domestica” con 112.000 fan. (Sette| latinos, Rocco Cotroneo, 19.08.2016)

Colombia/ I cubani si son fermati a Turbo. Dopo casi simili in Ecuador e Centroamerica, altri 2.000 cubani sono rimasti bloccati in Colombia,  nella città caraibica di Turbo, nel lungo viaggio per tentare di raggiungere gli Stati Uniti e chiedere asilo.  Lo scoglio primario è attraversare la temibile giungla del Darien, che separa la Colombia da Panama. (Sette| Latinos di Rocco Cotroneo, 19.08.2016)

Messico/ Occhio all’igiene del cibo in scatola. Uno scherzo di cattivo gusto può costare caro a La Costena, marchio leader in Messico di prodotti alimentari in scatola. Il 2 luglio è stata diffusa sui social network una foto dove si vede un operaio di una fabbrica che apparentemente sta orinando su una linea di peperoncini sott’olio. (Sette| Latinos, Rocco Cotroneo, 19.08.2016)

Cile/ Record di “portoghesi” a Santiago.   Il tasso di evasione del biglietto di Transtiago ha raggiunto la preoccupante soglia del 30 per cento. Santiago del Cile si vanta però di avere uno dei sistemi di trasporto pubblico più evoluti del mondo, moderno e automatizzato. (Sette| Latinos, Rocco Cotroneo, 19.08.2016)

Nicaragua/ Parlamento epurato dagli oppositori. Il parlamento di Managua è interamente nelle mani di Daniel Ortega. La giunta direttiva ha confermato il provvedimento del Consiglio supremo elettorale che ha rimosso 28 deputati dell’opposizione, appartenenti al Partito liberale indipendente. (Il Venerdì, 19.08.2016)

Argentina/ i tangueri protestano. Ballando. Per evitare la chiusura delle sale da ballo tradizionali un gruppo di tangueri ha inscenato una protesta singolare di fronte al Parlamento, nel centro della capitale argentina. La piazza si è trasformata in una milonga en plein air, per contestare l’aumento delle tariffe elettriche, voluto dal governo Macri, dopo anni di prezzi calmierati.  Il rincaro rischia di ridurre sul lastrico molte sale. (Il Venerdì, 19.08.2016)

Venezuela/ L’ombra dell’esercito sul Venezuela alla deriva. La situazione economica del paese è sempre più complicata. Intanto il presidente Maduro si appoggia ai militari per restare al potere, ma potrebbe essere una scelta rischiosa (Internazionale, 19.08.2016)

Cuba/ I novant’anni di Fidel Castro.  Quando il lider maximo andò al potere il presidente degli Stati Uniti era Dwight Eisenhower e Cuba era un’importante pedina nell’ambito della guerra fredda (Internazionale, 19.08.2016)

Brasile/ Censura olimpica. “Se mostrate un cartello con la scritta ‘fora Temer’(via Temer, il presidente brasiliano ad interim), ve lo sequetriamo. Queste cose allo stadio non sono permesse” ha detto un agente  del servizio di sicurezza ad alcuni tifosi…durante le Olimpiadi. (Internazionale, 19.08.2016)

Messico/ Il 16 agosto migliaia di persone hanno manifestato contro la violenza a Cuernavaca, nello stato di Morelos.

Argentina/ Il 16 agosto Belèn, una donna di Tucuman che era stata condannata a 8 anni di carcere per un aborto, è stata scagionata. La donna ha passato più di due anni in carcere.

Brasile/ Rio e la fine dei Giochi. La città ritorna povera (tranne gli speculatori). Le infrastrutture costruite quasi solo nelle aree agiate da due grandi imprese che si sono arricchite. Mentre le casse comunali sono in profondo rosso. (L’Espresso, 21.08.2016)

Escribe tu comentario!