Ravenna JAZZ 2020: dal 30 giugno al 14 novembre

Ravenna Jazz 2020 “Reloaded”: la quarantasettesima edizione dello storico festival ravennate torna a proporsi in versione letteralmente “ricaricata” -post-Covid. Stesso numero di serate a quelle annullate per emergenza pandemia ma distribuite nel corso di vari mesi: dal 30 giugno al 14 novembre 2020.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica

Bologna Jazz: The COOKERS

2. novembre 2016 – 22:59No Comment
Bologna Jazz: The COOKERS

L’Unipol Auditorium ospita i primi due concerti di punta del cartellone del Bologna Jazz Festival, entrambi nel segno di formazioni all stars. Sabato 5 novembre (ore 21:15) si inizia coi Cookers, ovvero la quintessenza della storia dell’hard bop, grazie a un cast musicale che raccoglie alcuni dei più importanti solisti degli ultimi cinquant’anni: Billy Harper (sax tenore), Craig Handy (sax alto), David Weiss (tromba), George Cables (pianoforte), Cecil McBee (contrabbasso) e Billy Hart (batteria).

Un’altra formazione all leaders, di taglio più modernista, sarà poi protagonista del successivo concerto (l’8 novembre) all’Unipol Auditorium: gli Aziza, con Dave Holland, Chris Potter, Lionel Loueke, Eric Harland.

Il 5 novembre prende il via anche “Jazz Insights”, cinque lezioni musicali curate da Emiliano Pintori al Museo Internazionale e Biblioteca della Musica – Palazzo Sanguinetti (ore 17). Quella odierna sarà dedicata a Ella Fitzgerald.

Il Bologna Jazz Festival è organizzato dall’Associazione Bologna in Musica con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Carisbo, Gruppo Unipol e del main partner Gruppo Hera.

Gli anni fulgenti dell’hard bop rivivono nelle infuocate esibizioni dei Cookers, una super band che racchiude un incredibile cast di veterani del mainstream moderno. Lo stile Blue Note (il nome del gruppo non per nulla deriva dal disco The Night of the Cookers di Freddie Hubbard) torna ad affascinarci con un rinnovato senso di modernità e virtuosismo, grazie all’eloquenza e alla continua sorpresa suscitata da Billy Harper, George Cables, Cecil McBee, Billy Hart e dai più giovani David Weiss e Craig Handy.

I Cookers sono nati da un’idea del trombettista David Weiss, che ha raccolto attorno a sé una serie di magistrali musicisti che sono arrivati sulla scena hard-bop nel pieno degli anni Sessanta per poi imporsi nel corso decennio successivo, periodo in cui la loro dedizione al mainstream li rendeva figure anomale in un ambiente jazzistico dominato dalla fusion e dal free. Ma la loro rivincita è venuta poi, visto che oggi è a loro che si guarda come depositari della più verace tradizione musicale afroamericana.

Tra lontani echi di gospel e frenesie modali, il repertorio post-boppistico del gruppo mette in luce sia le capacità autoriali dei suoi componenti (soprattutto Cables, Harper e McBee, tutti squisiti compositori oltre che strumentisti di impressionante intensità) che l’estro di Weiss negli arrangiamenti.

Alla soglia del decimo anno di attività (sono assieme dal 2007) i Cookers non perdono smalto e anzi continuano a guardare al futuro, anche tramite il periodico inserimento di forze nuove in organico.

Unipol Auditorium: via Stalingrado 37, Bologna

Informazioni:

Associazione Bologna in Musica

tel.: 334 7560434

e-mail: info@bolognajazzfestival.com

www.bolognajazzfestival.com

Escribe tu comentario!