ALESSANDRO SCALA, hard bop con nova Bossa Mossa

Il sassofonista emiliano romagnolo Alessandro Scala rispolvera “Bossa Mossa” con Barbara Casini. In attesa di questo appuntamento al Ravenna Jazz 2020 “Reloaded” (30 luglio, Rocca Brancaleone) Gian Franco Grilli l’ha raggiunto per ritornare su questo curioso progetto e per scoprire il suo trentennale percorso artistico.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » bolero, Cuba, latin jazz, libri/cDVD, live jazz, musica, rumba, Son

Cuba: “El Viaje” di Harold López-Nussa

31. dicembre 2016 – 18:09No Comment
Cuba: “El Viaje” di Harold López-Nussa

“El Viaje” è l’ultimo strepitoso album del pianista cubano Harold López-Nussa pubblicato per l’etichetta Mack Avenue (distr. Egea). In copertina una barca con un carico di tasti bianchi e neri per intraprendere uno straordinario viaggio musicale, pieno di ritmi afrocubani, che lascia il porto dell’Avana per approdare nel continente africano per poi ritornare  alla sua adorata Cuba.

Questo viaggio spirituale e sonoro del trentatreenne pianista avanero indaga vari generi pur rimanendo fedele alle sue radici.  Il presidente della Mack Avenue Denny Stilwell sottolinea che “Harold segue, in questo momento storico, la tradizione dei pianisti cubani che hanno registrato e suonato in tutto il mondo. Sentiamo che è un artista emergente con un immenso potenziale creativo per sfondare”. In questo progetto discografico, il settimo a suo nome, Harold López-Nussa è accompaganto dai musicisti del suo trio, il fratello minore Ruy Adrián López-Nussa alla batteria ed il senegalese Alune Wade, vocalist e basso. In alcune tracce hanno partecipato  diversi ospiti tra cui il padre di Harold Ruy Francisco López-Nussa alla batteria, Mayquel González a tromba e flicorno e due giovani grandi figure del percussionismo afrocubano: Dreiser Durruthy (batalero e vocalist della band Afrocuban Jazz Messenger di Chucho Valdés) e Adel González, eccellente conguero. Undici brani di jazz afrocubano che è il caso di dire fanno tremare i polsi per il livello interpretativo di questi artisti. Un motivo più bello dell’atro, tra cui spicca l’ottimo tributo agli Irakere con “Bacalao Con Pan” al ritmo di un travolgente son-batà che ci riporta agli anni d’oro della mitica e insuperabile formazione jazz fondata da Chucho Valdés all’inizio degli anni Settanta.  Un cd da consigliare senza indugi a tutti gli appassionati di latin jazz, e non solo. (Gfg)

Escribe tu comentario!