GUSTAVO OVALLES: dal “Sistema” Abreu al latin jazz con quitiplá

Tranquillo, solare, ambasciatore di musiche venezuelane, “console” di ritmi afrocubani, Gustavo Ovalles è oggi uno dei multipercussionisti più richiesti sia nel latin jazz che nei progetti di world music. «Sonidos del Orinoco» è il titolo della sua produzione più recente. L’abbiamo intervistato in occasione di una tournée con il pianista cubano Omar Sosa. Ecco cosa ci ha raccontato.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » attualità, Cuba, cultura e tradizioni, musica, rumba

Cuba: Rumba, patrimonio immateriale dell’Umanità

7. dicembre 2016 – 00:26No Comment
Cuba: Rumba, patrimonio immateriale dell’Umanità

La rumba cubana inserita nella lista del “patrimonio culturale immateriale” dell’umanità. Lo ha deciso l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco) nel corso di una riunione ad Addis Abeba il 30 novembre. “La rumba a Cuba, con i suoi canti, i suoi movimenti, i suoi gesti e la sua musica, è un’espressione di autostima e resistenza” che contribuisce alla formazione dell’identità nazionale, scrive il Comitato composto dai rappresentanti di 24 Paesi firmatari della Convenzione Unesco. Nella foto: Jesus Abreu, cubano, rumbero, fondatore del famoso gruppo Los Papines.

Il Comitato, si legge ancora, ha deciso di includere la rumba cubana nella lista dei beni protetti, perché è un “simbolo dell’intera società” cubana e “difende il diritto alla diversità culturale basata sul rispetto reciproco”.

Nata nei quartieri disagiati di Cuba, la rumba è legata alla cultura africana, ma ha anche alcuni elementi caratteristici della cultura indiana occidentale e del flamenco spagnolo. “Per la sua natura integrativa e la diversità culturale, diventa espressione di ampia rilevanza sociale”, sottolinea l’Unesco, elogiando anche “la ricchezza del ritmo, la grazia e la sensualità della danza e del canto, nonché la gioia che trasmette, capace di avvicinare molte persone, indipendentemente dal sesso, fenotipo, situazione sociale o geografica”.

La delegazione di Cuba ha dedicato questo riconoscimento della cultura e dell’identità cubana a Fidel Castro, leader storico della Rivoluzione.

Escribe tu comentario!