Jazz nordico: JOHN SURMAN

John Surman. Da un po’ di tempo era sfuggito dal mio orizzonte, ma ne è valsa veramente la pena riascoltarlo con tutti i cambiamenti intervenuti al Cassero Jazz di Castel San Pietro terme (Bo), domenica 15 aprile, in occasione della tappa di Crossroads.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » latin jazz, live jazz, musica

Ferrara in Jazz: 8 e 9 dicembre 2017

7. dicembre 2017 – 22:43No Comment
Ferrara in Jazz: 8 e 9 dicembre 2017

Jazz Club Ferrara/ venerdì 8 dicembre,ore 21.30, ultima performance dell’anno  della Tower Jazz Composers Orchestra diretta da Piero Bittolo Bon e Alfonso Santimone. Sabato 9 dicembre  ritorno della cantante, polistrumentista e danzatrice  taiwanese Jen Shyu, con Chris Dingman al vibrafono, Mat Maneri alla viola e Dan Weiss alla batteria e percussioni.

 

Ultima performance dell’anno quella della Tower Jazz Composers Orchestra in programma venerdì 8 dicembre al Jazz Club Ferrara.

L’ampio organico, coordinato e diretto da Piero Bittolo Bon e Alfonso Santimone, ha preso forma nel 2016 come naturale evoluzione e sintesi di due progetti didattici (The Tower Jazz Workshop Orchestra e The Unreal Book), con l’intenzione di creare una big band “elastica” che permetta a tutti gli elementi di sperimentare e mettere in gioco le proprie idee musicali. Il repertorio, che alterna brani della tradizione afroamericana a composizioni originali ed accattivanti rivisitazioni, si è ampliato sempre più, pervenendo a soluzioni di sorprendente empatia.

La formazione di venerdì prossimo vede scendere in campo: Piero Bittolo Bon alla direzione, sax alto, clarinetto basso e flauti; Alfonso Santimone, direzione, pianoforte ed elettronica; Sandro Tognazzo al flauto; Glauco Benedetti alla tuba; Mirko Cisilino, Pasquale Paterra e Gabriele Cancelli alle trombe; Filippo Vignato e Lorenzo Manfredini ai tromboni; Gianluca Fortini ai clarinetti e sax alto; Tobia Bondesan al sax tenore; Filippo Orefice al sax tenore, clarinetto e flauto; Beppe Scardino al sax baritono, sax alto e flauto; Riccardo Morandini alla chitarra; Federico Rubin al piano elettrico; Alessandro Garino al pianoforte; Stefano Dallaporta al contrabbasso e basso elettrico; Andrea Grillini e Simone Sferruzza alla batteria, e William Simone alle percussioni.  Per i cultori di ritmiche afrolatin tenere d’occhio il binomio Andrea Grillini e William Simone, protagonisti di un altro progetto interessante: Yoruba.

 

 

 

 

Sabato 9 dicembre/

Sabato 9 dicembre (inizio ore 21.30) il Jazz Club Ferrara vede il gradito ritorno della cantante, polistrumentista e danzatrice di origine taiwanese Jen Shyu.

Dopo la masterclass tenuta con successo nel 2015 in esclusiva nazionale, la Shyu calcherà nuovamente il palcoscenico del Torrione per presentare Song of Silver Geese, album menzionato dal New York Times tra i migliori dell’anno. Al suo fianco troviamo Chris Dingman al vibrafono, Mat Maneri alla viola e Dan Weiss alla batteria e percussioni.

Nuova e vivace presenza della scena improvvisativa newyorchese, Jen Shyu si è fatta conoscere al grande pubblico negli ultimi anni grazie alla collaborazione con Steve Coleman. La giovane musicista si esibisce in performance in cui canta accompagnandosi al piano e a diversi strumenti orientali, creando situazioni di rara intensità: evitando gli stilemi, punta a una fusione a tratti densa a tratti rarefatta di jazz, tradizione cinese e camerismo novecentesco, improvvisazione e teatro.

Nata negli Stati Uniti da genitori taiwanesi e di Timor Est, Shyu è impegnata in un’intensa ricerca sperimentale. Ha prodotto cinque album come leader: For Now, Jade Tongue, Inner Chapters, Raging Waters e Red Sands, ed è stata, nella storia dell’etichetta Pi Recordings, la prima vocalist e artista femminile a essere band leader con l’applaudito album Synastry, che ha visto la partecipazione del bassista Mark Dresser. Si è formata come ballerina e musicista. Trasferitasi a New York, dopo la laurea alla Stanford University, è stata la vocalist dei Five Elements del sassofonista Steve Coleman dal 2003 al 2011 e ha presentato la propria musica al Lincoln Center, alla Brooklyn Academy of Music, alla Bimhuis (Olanda), al Salihara Theater (Indonesia), al National Gugak Center e al National Theater in Corea del Sud. Ha lavorato con Dave Burrell, Chris Potter, Michael Formanek tra gli altri, e nelle opere di Anthony Braxton Trillium E e Trillium J.

Attraverso numerosi viaggi studio è divenuta una tra le performer più preparate al mondo nel campo della vocalità e delle danze tradizionali del Sud-Est asiatico. Attualmente è leader della sua band Jade Tongue e porta in tournée la sua opera dal titolo Solo Rites: Seven Breaths, con la regia del rinomato cineasta Garin Nugroho, ispirata dai suoi viaggi e dal lavoro nei campi del secolo scorso. L’opera ha debuttato nel 2014 al teatro Roulette Intermedium di Brooklyn, New York.

. www.jazzclubferrara.com

Foto: Gian Franco Grilli ( Grillini e Simone); Giorgio Bianchi (TJCO,al Bologna Jazz Festival); Cortesia Jazz Club Ferrara (Jen Shyu)

Escribe tu comentario!