Books Colombia: Una poesia in tasca di H.A. Faciolince

Il 25 agosto 1987, a Medellín alle sei del pomeriggio Héctor Abad Gómez, medico, professore universitario, attivista per i diritti umani, viene ucciso a colpi di pistola in Calle Argentina. La famiglia lo trova riverso sul selciato. Suo figlio, Héctor Abad Faciolince, gli fruga nelle tasche e trova un foglietto con una una poesia su morte e oblio scritta a mano dal padre e siglata da tre iniziali: J. L. B., che per lui significarono senza indugi Jorge Luis Borges. Ma il mistero viene svelato dal “detective” Abad nel giallo, fresco di stampa: Una poesia in tasca (Lindau)

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » attualità, Brasile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Messico, Paraguay, Venezuela

America latina: un anno di nuovi Presidenti

14. gennaio 2018 – 15:45No Comment
America latina: un anno di nuovi Presidenti

Meno di quattrocento milioni i cittadini latinoamericani che andranno o hanno diritto di andare a votare nel 2018 per eleggere nuovi presidenti. Tra questi paesi, in ordine alfabetico, ci sono Brasile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Messico, Paraguay e Venezuela.  Il primo luglio si inizia dal Messico.

Ci sarà un enorme rimescolamento dell’attuale situazione dopo i fallimenti di numerosi governi latinoamericani che hanno governato negli ultimi anni, la corruzione che continua a farla da padrone ovunque e in ogni coalizione di destra o di sinistra. I primi a esprimersi, escludendo Cuba che è un caso a parte, saranno i messicani che andranno al voto il 1° luglio. E di una probabile candidata alla presidenza ne ha parlato Il Manifesto (sabato 13 gennaio 2018). Interessante l’intervista all’indigena zapatista Marichuy, che sta girando il Paese per raccogliere un milione di firme per rendere possibile la sua candidatura fuori dai partiti per rompere il duello eterno Pan/Pri.  “Le strutture patriarcali non facilitano il ruolo e la presenza delle donne – dichiara Marichuy -, e dobbiamo partecipare con più decisione, senza paura”.

Escribe tu comentario!