MUSICA JAZZ: ciao JERRY GONZALEZ

Luca Conti è l’autore dell’editoriale di Musica Jazz di novembre 2018: “Un maestro visionario” è il titolo del puntualissimo omaggio alla memoria del conguero-trombettista Jerry Gonzalez scomparso il primo giorno di ottobre a Madrid. Era nato nel 1949 a New York.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » bolero, Colombia, jibaro, latin jazz, musica, plena, Puerto Rico, rumba, Salsa

Puerto Rico: Noro Morales a Barranquilla

15. gennaio 2018 – 18:40No Comment
Puerto Rico: Noro Morales a Barranquilla

La dodicesima edizione del Carnaval Internacional de las Artes riserverà un tributo al pianista e bandleader portoricano Noro Morales scomparso il 15 gennaio del 1964 a San Juan de Puerto Rico. Il maestro era nato il 4 gennaio del 1911 a Puerta de Tierra nel seno di una grande famiglia di musicisti. I suoi successi si ascolteranno in tutte le sedi della rassegna di Barranquilla (Colombia) dal 25 al 28 gennaio 2018.

 

Pianista, compositore, cantante e direttore Norberto Osvaldo, che influenzerà tra gli altri pianisti come Charlie e Eddie Palmieri, dopo un periodo trascorso in Venezuela, rientra a Puerto Rico ma nel 1935 si stabilisce a New York dove incassa il suo primo ingaggio dall’orchestra del flautista cubano Alberto Socarràs (il primo negli Usa a combinare musica cubana e jazz), molto in voga in quegli anni e richiestissima nei migliori jazz club e locali di musica latina. Poi nel 1937 fonda e dirige l’Orchestra dei fratelli Morales (Humberto, Esy, José) registrando diversi dischi con la Columbia Records. Intanto Noro si fa notare anche come compositore, collabora con Machito, Tito Rodriguez e Vicentico Valdés, suona nei più importanti locali newyorkesi come Stork Club, Copacabana, China Doll e nel 1945 è sul palco del Club La Conga con la sua band ribatezzata Noro Morales and His Orchestra conquistando il pubblico per la travolgente carica ritmica che sgorga dalle perfomarnces. Con la sua band lavorerà in alcuni film, va alla grande, ma negli anni Cinquanta la sua popolarità comincia a barcollare perdendo significativi consensi perché “trascura” il pubblico nordamericano non latino. Ma stando alle leggende lo abbandonarono un po’ anche i latinos che non apprezzarono certe sdolcinature nei suoi ritmi. Insomma, è il caso di dire che stavano sparando sul pianista. Perché l’autore della Rumba Rhapsody nel frattempo aveva cominciato a soffrire di glaucoma e nel 1960 fece ritorno nella terra natia, registrò qualcosa con il suo quintetto, in poco tempo il suo sovrappeso diventò un problema serissimo. Morì a soli 53 anni. E ora grazie anche al prezioso lavoro dello specialista di musica latina Rafael Bassi Labarrera la musica di Noro Morales allieterà il pubblico colombiano di Barranquilla.

Escribe tu comentario!