MARIALY PACHECO, diva del piano cubano

“Senza la musica cubana e il globaljazz, la vita sarebbe un errore”. Si sa che la musica suscita emozioni, che le emozioni musicali evocano ricordi, che il modo in cui ognuno di noi percepisce la musica dipende dalla somma delle proprie esperienze musicali, dagli ascolti fin qui effettuati. Eppure, è raro ma succede, che anche in mancanza di alcuni di queste elementi esperenziali e di un certo background, vi siano certe musiche e alcuni musicisti con poteri degni di una divinità.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, cancion, CD e DVD, libri/cDVD, musica, pop latino, rock argentino

ARGENTINA: Grammy al pop latino di CLAUDIA BRANT

13. febbraio 2019 – 03:03No Comment
ARGENTINA: Grammy al pop latino di CLAUDIA BRANT

Un’artista argentina vittoriosa ai Grammy Awards 2019 e non interpretando tango o milonga, ma pop latino. È la cinquantunenne Claudia Brant, all’anagrafe Claudia Alejandra Menkarski  di Buenos Aires  trasferita negli Usa dal 1998, con il suo  ‘Sincera’, premiato come miglior album di pop latino.

La prolifica cantautrice argentina Claudia Brant è una donna che non molla mai. Ha firmato oltre mille composizioni tra cui “No me doy por vencido” (Non Mollo) e dopo un latin Grammy è arrivato anche il prestigioso riconoscimento nei GRAMMY AWARDS, Oscar della Musica assegnati a Los Angeles. Alla 61esima edizione il Miglior Album di Pop Latino è per SINCERA registrato assieme a talentuosi musicisti come Torcuato Mariano (chitarra), Carlitos del Puerto (basso), Vinnie Colaiuta (battería), Rafael Padilla (percussione) e Harry Kim (tromba). Nella sua lunghissima carriera, Claudia Brant  ha collaborato con cantanti e musicisti di fama mondiale tra i quali Bruno Mars, Carlos Santana, Enrique Iglesias, John Legend, Paulina Rubio, Ricky Martin y Jennifer López.

Rispetto a questo album dice l’artista argsentina:  “Ho avuto la completa libertà di realizzare questo disco, dimenticandomi delle regole della musica commerciale e cantando quello che gli altri artisti non vogliono o non possono fare”. Un esempio di questa libertà creativa la riscontriamo in  “Ni blanco y negro” lavorando in coppia con il musicista spagnolo Antonio Carmona.  Anche se l’idea originale del tema è ispirata dalle tristissime storie di immigrati africani che arrivano in Spagna (o in Italia) con gli scafisti al timone di carrette o “boat people” il fenomeno è esteso anche alle migliaia di centroamericani che cercano la strada verso gli Stati Uniti. L’artista bonaerense si era già espressa sul tema dell’immigrazione collaborando alla canzone “El hielo ” della band La Santa Cecilia , chicanos di  Los Ángeles. La Brant ricorda di essere arrivata a Los Angeles nel 1998 con una valigia piena di sogni ” partendo da zero e bussando alle porte”. E oggi è una delle compositrici più richieste dai cantanti di tutti il mondo, di cultura ispanamericana o anglosassone e perfino nell’estremo oriente.(Gfg)

 

Escribe tu comentario!