Brasile: addio a Claudio Roditi

Purtroppo, anche il grande trombettista carioca CLAUDIO RODITI non ce l’ha fatta a sconfiggere il cancro che stava combattendo da tempo. Il jazz, il latin jazz e la musica brasiliana piangono la scomparsa di uno dei più importanti trombettisti latin degli ultimi cinquant’anni scomparso nel New Jersey il 18 gennaio 2020 all’età di 73 anni.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » bomba, CD e DVD, latin jazz, libri/cDVD, live jazz, musica, Puerto Rico, Salsa, Venezuela

Ferrara in Global Jazz con Miguel Zenón

9. ottobre 2019 – 17:36No Comment
Ferrara in Global Jazz con Miguel Zenón

I lunedì del Jazz Club Ferrara sono ripartiti davvero alla grande con il favoloso quartetto del sassofonista portoricano Miguel Zenón  giunto al Torrione (oramai Miguel è di casa nella città estense!) per presentare il nuovo album ‘Sonero: The Music Of Ismael Rivera’.

Sonero è un progetto nato come omaggio al leggendario salsero portoricano, ma osservandolo attentamente negli sviluppi in scena, e con “cognizione di causa-latinopamericana”, è certamente più giusto parlare di ispirazione dello spirito improvvisativo e creativo, più che di omaggio o tributo, al “Sonero Mayor“o Maelo, i soprannomi del cantante-compositore Ismael Rivera (1931-1987). Infatti non si tratta di una rilettura verosimile della sua opera discografica, ma siamo di fronte a un rimescolamento totalmente jazzificato di citazioni e piccolissimi frammenti melodici di brani famosi del repertorio del Sonero Mayor, icona della musica boricua, interprete di bomba e plena e anche di quella salsa originata dal son montuno cubano di cui era diventato un protagonista ammirato in tutto il Sudamerica. Un concerto comunque di grandissima intensità eseguito da quattro musicisti di enorme spessore, tutti ottimi solisti in grado di stupire il pubblico esperto ed esigente del Torrione per oltre ottanta minuti: un sax geniale (Zenon), un pianista stellare (Luis Perdomo), un batterista pazzesco (Henry Cole) e un contrabbassista neozelandese efficacissimo (Matt Penman), e sorprendentemente più “latin” dei colleghi della partita (due portoricani e un venezuelano) con il magnifico e basilare tumbao intonando “Traigo Salsa”, uno dei pezzi di «Sonero», su cui ha ruotato la scaletta del fascinoso e suggestivo concerto in chiave global jazz, e non in “jazz en clave”, con ritmica afrolatina, come Ismael da meraviglioso sonero e rumbero avrebbe preferito per dialogarci su. (Gfg)

Escribe tu comentario!