Martín Rojas: la mia vita legata a Sanremo e al  jazz

Il compositore e chitarrista cubano Martín Rojas Torriente dopo un lungo silenzio è riapparso in compagnia del grande cantautore e collega Pablo Milanés al festival Barranquijazz sulla costa caraibica della Colombia. Gian Franco Grilli l’ha raggiunto per ripercorrere la sua lunga carriera artistica e la dolorosa vicenda umana segnata da un gravissimo incidente subito nell’infanzia e accettato e superato con la musica.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » libri/cDVD, live jazz, musica

CD Novità: Paolo Damiani Unit, Memorie future

24. giugno 2021 – 16:21No Comment
CD Novità: Paolo Damiani Unit, Memorie future

Continua senza sosta la ricerca artistica del versatile e grande contrabbassista, compositore e bandleader Paolo Damiani. A distanza di un paio di anni dal tostissimo Silenzi Luterani (Alfa Music,2019) eccolo con il freschissimo Memorie future (Parco della Musica records, 2021) realizzato con un nuova band di valorosi solisti.

Diversamente dal “liturgico” e “ribelle” Silenzi Luterani, che celebrava i 500 anni della Riforma di Martin Lutero in compagnia di alcuni dei suoi migliori ex-allievi del conservatorio Santa Cecilia, il nuovo progetto in questione, Memorie future, per lo spessore e i linguaggi jazzistici combinati sapientemente con frequenze contemporanee, coinvolge l’ascoltatore fin dal primo brano per il repertorio elaborato su 0tto brani e dove l’improvvisazione la fa da padrone grazie al talento dei componenti di un quintetto davvero straordinario. Oltre a nomi prestigiosi e ben noti del panorama jazz italiano come Daniele Tittarelli (sax alto), Giovanni Falzone (tromba) e Alessandro Paternesi (drums) abbiamo la magnifica vocalist Diana Torto, a nostro avviso ancora poco conosciuta e che qui spicca in modo stupefacente in L’Ora, traccia n.3 da brividi!, ma anche qua e là tra le otto composizioni del cd, di cui 5 sono firmate dal contrabbassista-violoncellista  Damiani e le tre restanti suddivise tra la Troilo, Tittarelli e Falzone. In sintesi, un album ad ampio spettro sonoro dove i codici del jazz brillano elegantemente anche privandosi degli ottantotto tasti bianchi e neri. Frutto dell’esperienza e delle abilità del leader romano di amalgamare i contributi dei suoi partners eccellenti. (gfg)

Escribe tu comentario!