Brasile.  NILZA COSTA quartet

Spettacolo nello spettacolo il concerto del quartetto della vocalist NILZA COSTA alla rassegna Vena del Jazz. Con la meravigliosa scenografia della Rocca Sforzesca di Imola (Bo) alle spalle abbiamo assistito l’1 settembre 2021 ad una performance di sonorità evocative e suggestive frutto di un mescolamento di linguaggi affascinante.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » bolero, cancion, cha cha, Cuba, danzon, latin jazz, live jazz, musica, Nueva Trova, rumba, Salsa, Son, soul, World music

CORREGGIO JAZZ-Crossroads: Rubalcaba/Nuviola duo

18. luglio 2021 – 22:39No Comment
CORREGGIO JAZZ-Crossroads: Rubalcaba/Nuviola duo
GONZALO RUBALCABA & AYMEE NUVIOLA DUO, di ritorno da Correggio Jazz- Crossroads, 16 luglio 2021.  Se la musica afrocubana (e in parte anche l’afro-latin) è ritmo, è alma (anima), è swing, è melodia, è armonia, chi però cattura principalmente l’attenzione del pubblico è il ritmo con quel particolarissimo swing en clave che la tipica sezione ritmica afrocubana riesce a fornire.

Se la musica afrocubana (e in parte anche l’afro-latin) è ritmo, è alma (anima), è swing, è melodia, è armonia, chi però cattura principalmente l’attenzione del pubblico è il ritmo con quel particolarissimo swing en clave che la tipica sezione ritmica afrocubana riesce a fornire. Privare un progetto (per ragioni economiche, immagino) di questo fondamentale elemento in un repertorio incentrato su bolero-feeling è come indebolirne la quintessenza e la capacità attrattivo-comunicativa della musica cubana. Prendendo poi a riferimento la calientisima e prolungata performance vicentina in ottetto, abbiamo avuto la sensazione, o presunzione, che sia proprio questa la ragione di una conclusione abbastanza soft (leggasi con un solo bis) del concerto correggese di Gonzalo RUBALCABA (uno dei grandi protagonisti del piano jazz mondiale e depositario eccellente della tradizione cubana) e di Aymée NUVIOLA (talentuosisima vocalist premiata con Grammy) che ha intonato, tra le altre, Lagrimas Negras,Bemba ColoràMi mejor cancion (di José Antonio Mendez,uno dei padri del feeling o filin), El manisero e, con estrema intimità, la sua Nada es para ti. Al di là di queste personali impressioni, il duo ha saputo tenere in pugno il pubblico del Teatro Asioli, e come già anticipato, nonostante l’inafferrabilità di alcune modalità musicali ed estetiche come, ad esempio, il feeling, ossia la jazzificazione del romantico bolero, di cui chi scrive invece è fanatico, come lo è di qualsiasi forma canzone nel jazz. Di qui, il dubbio che abituali appassionati di jazz e di Crossroads-Correggio abbiano accolto tiepidamente questa dimensione boleristica privata del tipico tumbaito, di quel pulsante beat che dalla testa impulsi alle anche fin giù ai piedi. Prima di concludere va sottolineato l’inizio del concerto in piano solo, dove i più attenti cultori di jazz e gli esperti di musiche cubane avranno apprezzato il magistrale Gonzalo rileggendo magnificamente First Song di Charlie Haden e El Cadete Constitucional di Jacobo Rubalcaba, due capolavori per palati raffinati.
 (gfg)

Escribe tu comentario!