JAZZ PER IL PIANETA

Il “cambiamento climatico” non riguarda davvero il clima. Riguarda le persone, la migrazione, il cibo, l’acqua, l’accesso, la salute, l’istruzione e l’equità delle opportunità”, ha dichiarato Fio Omenetto, direttore della Fondazione Tällberg. Se non aggiustiamo il nostro clima ora, ci saranno troppe cose da sistemare in seguito”

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica

PopOFF!, tra operetta e jazz swing

3. novembre 2021 – 00:55No Comment
PopOFF!, tra operetta e jazz swing

Gli evergreen dello Zecchino d’Oro-anni Sessanta sono stati per la prima volta jazzificati con ironia elegante e pulsante dal trombettista Paolo Fresu e dalla vocalist  Cristina Zavalloni e raccolti nel divertentissimo e coloratissimo «PopOFF!» (Tuk Kids, 2021). Il progetto discografico è stato realizzato con il contributo di qualificatissimi strumentisti come Cristiano Arcelli, Dino Rubino, Marco Bardoscia e Quartetto Alborada.

Piacevolissima rilettura in bilico tra operetta e jazz di alcune delle canzoni più famose dello Zecchino D’Oro degli anni Sessanta/Settanta diventate, nel tempo, una sorta di standard nel mondo della musica per bambini.  «PopOFF!» si  apre con la celeberrima Quarantaquattro Gatti mentre la chiusura è affidata a Popoff. In mezzo altri undici divertenti brani con testi di elegante ironia tra Il Valzer del moscerino, Il caffè della Peppina (il più swingante), Il pulcino ballerino (il più esotico, con lievissime sfumature en clave), Non lo faccio più (bella scansione ritmica), Lettera a Pinocchio. La dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che con la grammatica della musica afroamericana  si può rivisitare di tutto, o quasi. E così, forti di questa convinzione e del concetto di fare musica insieme, il trombettista sardo, ma di adozione felsinea, Paolo Fresu (titolare dell’etichetta Tuk Kids)  e la poliedrica artista bolognese Cristina Zavalloni hanno pensato di fare un grande salto all’indietro lungo quarant’anni per realizzare un progetto musicale rivolto prevalentemente ai bambini di oggi ma che indubbiamente verrà più apprezzato dai piccoli di ieri in quanto colonna sonora della loro infanzia e, successivamente nelle vesti di genitori, impiegata ludicamente nella crescita dei propri figli. Della partita  hanno fatto parte un gruppo di affermati jazzisti italiani come Cristiano Arcelli (sax e clarinetto), Dino Rubino (piano), Marco Bardoscia (c/basso) affiancati dal quartetto classico Alborada strings. Va detto che la batteria non c’è, tuttavia la performance è ricca di swing grazie al tappeto ritmico tessuto dal pianismo di Rubino e dalle robustissime corde di Bardoscia. In conclusione, come scrive Fresu nella presentazione, “PopOFF! vuole essere un disco per tutte le età”. E, a nostro modesto avviso, ha validi motivi per centrare l’obiettivo. (GFG)

Escribe tu comentario!