FOLGORATI DALLA RUMBA CUBANA, 40 anni fa.

40 anni esatti dopo l’apoteosi di tamburi cubani, chequeré, clave, guiro, quijada, ritmi, voci, danza e pantomima dei LOS PAPINES alla Sala Bossi del Conservatorio di Musica G.B. Martini di Bologna, il 10 dicembre 2022 MiCaribe celebra virtualmente il 4o° anniversario con un brevissimo film su quell’evento spettacolare che, con una serie di incontri in città e in periferia, rappresentò l’apertura di una finestra autentica sulla musica cubana, in particolare sul fenomeno espressivo della rumba cubana, sulle culture dell’area caraibica e sudamericane.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica

ENRICO RAVA & RITA MARCOTULLI, gallery

26. marzo 2016 – 02:18No Comment
ENRICO RAVA & RITA MARCOTULLI, gallery

Crossroads macina successi. Dopo il pienone di Rimini con Paolo Fresu e Bojan Z, ecco un altro sold out fresco di serata: da poche ore, infatti, è terminato il bellissimo concerto a Massa Lombarda di due grandi stelle del jazz italiano, per non dire europeo, come ENRICO RAVA, padre dei trombettisti italiani (per una sera al flicorno), e RITA MARCOTULLI, la signora del pianojazz. E’ stato emozionante vedere il tutto esaurito nella Sala Carmine di Massa Lombarda (RA), anche se era prevedibile perchè vi era molta attesa di riascoltare assieme sullo stesso palcoscenico questi due artisti dopo molti anni. E quando due star jazzistiche di vaglia como loro si ritrovano a dialogare, potete immaginare la bellezza di sonorità, di fraseggi, di scambi con uno swing da paura (nonostante in due sia difficile) su un repertorio indovinatissimo per il tipo molto variegato di pubblico presente in sala. Applauditissima tutta la performace, ma su tutti, e ovviamente, una bossa nova e due brani oramai diventati degli standard del jazz come la canzone “Estate” di Bruno Martino e il bolero “Besame Mucho” della compositrice messicana Consuelo Velazquez. Ma per ricordarci che la rassegna Crossroads è prevalentemente a base di jazz, il nostro duo ha voluto affidare l’ultima parola del concerto a un capolavoro della musica afro-americana: “Round Midnight ” di Thelonious Monk. E poi, la buona notte e la Buona Pasqua a tutti.

Escribe tu comentario!