CROSSROADS 2024 (3 marzo/13 luglio)jazz con  tanto Latin

Il festival Crossroads-jazz e altro in Emilia-Romagna festeggia la sua 25a edizione con un nuovo giro attorno al mondo delle musiche improvvisate (jazz e affini) dal 3 marzo al 13 luglio 2024: oltre 60 concerti, 400 musicisti tra cui grandi star italiane e internazionali (Enrico Rava, Paolo Fresu, Abdullah Ibrahim, Richard Galliano…) e di particolare soddisfazione per i nostri lettori la presenza di numerosi artisti delle Americhe del Sud, da Cuba all’Argentina al Brasile (Roberto Fonseca, Harold Lopez Nussa,Omar Sosa, Melingo, As Madalenas, Javier Girotto…).

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » live jazz, musica

Crossroads inizia con Bosso & Biondini il 27/2

24. febbraio 2016 – 17:39No Comment
Crossroads inizia con Bosso & Biondini il 27/2

Crossroads 2016, il festival itinerante che per oltre tre mesi si sposterà senza sosta su tutto il territorio regionale, prenderà il via sabato 27 febbraio alle ore 21:15 al Teatro Fabrizio De André di Casalgrande (RE), da anni il luogo privilegiato per l’inizio della kermesse jazzistica organizzata da Jazz Network e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna.

Protagonista di questo concerto inaugurale sarà la brillante tromba di Fabrizio Bosso, incastonata in uno spettacolo sontuoso e coinvolgente: “Melodies”, con Luciano Biondini alla fisarmonica e un gruppo d’archi diretto da Paolo Silvestri. Sarà la prima di molte occasioni per ascoltare Bosso nell’ambito della diciassettesima edizione di Crossroads. Il festival infatti quest’anno avrà come artisti in residence i tre più celebri trombettisti del jazz italiano: Paolo Fresu, Enrico Rava e, appunto, Fabrizio Bosso, che tornerà a esibirsi poi con il sestetto Latin Mood (13 aprile a Parma) e col progetto “Duke” (17 aprile a Imola).

Il concerto è realizzato in collaborazione con l’Assessorato Tempo Libero del Comune di Casalgrande. Biglietti: intero euro 15, ridotto 12.

L’edizione 2016 di Crossroads si apre con solenni squilli di tromba. Letteralmente: quelli di Fabrizio Bosso. Al suo fianco ci sarà la fisarmonica di Luciano Biondini, ormai compagno di musica di lungo corso. Il loro duo (immortalato sul disco Face to Face) gira da alcuni anni dispensando vampate di abbagliante lirismo e avvincenti giochi ritmici applicati alla forma canzone. Ma la serata di Casalgrande sarà speciale: una delle rare occasioni per ascoltare Bosso e Biondini con l’aggiunta di un gruppo d’archi, arrangiato e diretto da Paolo Silvestri.

“Melodies” è lo sviluppo esuberante e policromo della sublime cantabilità insita nel duo, un’esplosione avvolgente di memorabili canzoni della più varia provenienza: da Stevie Wonder a Pino Daniele, da Sting a Paolo Conte, incastonati con perfetta armonia tra pagine originali e classici del jazz. Bosso e Biondini non soffrono certo di quella sindrome che colpisce molti jazzisti, la paura di eseguire ed esplorare in ogni sua piega uno squisito tema melodico. La musica si dispiega allora in tutto il suo lirismo, mentre i solisti possono gettarsi a corpo libero nelle evoluzioni di un’improvvisazione che gioca apertamente con le più intense emozioni.

Informazioni

Jazz Network, tel. 0544 405666, fax 0544 405656,

e-mail: ejn@ejn.it, website: www.crossroads-it.org – www.erjn.it

Escribe tu comentario!