Jazz nordico: JOHN SURMAN

John Surman. Da un po’ di tempo era sfuggito dal mio orizzonte, ma ne è valsa veramente la pena riascoltarlo con tutti i cambiamenti intervenuti al Cassero Jazz di Castel San Pietro terme (Bo), domenica 15 aprile, in occasione della tappa di Crossroads.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, attualità, Brasile, Cile, Costa Rica, Cuba, cultura e tradizioni, El Salvador, Guiana, Son, soul

AmericaLatina … in rassegna (10 aprile)

11. aprile 2018 – 00:56No Comment
AmericaLatina … in rassegna (10 aprile)

Le notizie latinoamericane qui selezionate sono apparse sulla stampa italiana nei giorni scorsi e parlano di Brasile, Cuba, Messico, Colombia, Cile, Argentina, Costa Rica e America Latina.

Cuba/ Addio Castro, all’Avana sta arrivando il Lider Minimo. Il 19 aprile Miguel Diaz Canel prenderà il posto del vecchio Raul. Un semi-sconosciuto che ha sempre vissuto nell’ombra. Il classico uomo di paglia. Che può riservare sorprese (Il Venerdì, 30/3/2018 – Gianni Perrelli)

Brasile/ Per il Brasile Gilberto Gil ha un progetto davvero Fico. Il grande musicista (ed ex ministro) è stato nel parco agrolimentare bolognese… sapendo che il cibo è cultura adesso vuole aprire un Eataly a Salvador de Bahia (Il Venerdì, 30/3/2018 – Guido Andruetto)

Messico/ Il 21 marzo il giornalista Leobardo Vazquez è stato ucciso nello Stato di Veracruz. Lavorava per alcuni giornali locali.

Brasile/Lula, il presidente operario stritolato da “O mecanismo” (Il fatto Quotidiano)

Brasile/ intervista a Joao Pedro Stedile, leader del movimento dei senza terra “Borghesia e Usa riproducono disuguaglianza e instabilità” (il manifesto, Claudia Fanti)

Argentina/ Il 24 marzo, a 42 anni dal golpe militare che instauròla dittatura in Argentina (1976-1983), ci sono stati eventi e manifestazioni in molte città del paese…a Buenos Aires hanno sfilato anche figli, figlie e parenti dei militari che commisero crimini durante il regime.

Brasile/ le opinioni. La lezione inascoltata di Marielle Franco, che faceva parte del Consiglio comunale di Rio, … è stata uccisa con quattro colpi di arma da fuoco alla testa dopo aver partecipato a un dibattito con altre giovani nere a Rio de Janeiro. Il Brasile è uno dei paesi più pericolosi del mondo per chi difende i diritti umani. Secondo l’organizzazione Front line defenders nel 2017 in Brasile sono stati uccisi 67 attivisti (Internazionale, 6 aprile 2018, Vanessa Barbara, giornalista brasiliana, ha scritto questa column per il New York Times)

Costa Rica/ Una vittoria rassicurante. Carlos Alvarado Quesada, il candidato Pac, centrosinisra, ha vitno il 1 aprile il secondo turno delle elezioni presidenziali della Costa Rica. Il suo avversario, Fabricio Alvarado, pastore evangelico che aveva basato tutta la campagna elettorale sull’opposizione al matrimonio omosessuale.

Guatemala/ 1 aprile è morto l’ex dittatore Efrain Rios Montt. Aveva 91 anni e nel 2013 era stato condannato per genocididio e crimini contro l’umanità, poi la sentenza era stata annullata, (Internazionale, 6 aprile 2018)

Messico/ La sinistra messicana punta su Lopez Obrador. L’ex sindaco di Città del Messico e fondatore del partito Morena ha inaugurato la sua campagna elettorale per le elezioni presidenziali di luglio. Per ora è il grande favorito. (Internazionale, 6 aprile 2018)

Colombia/ La seconda vita di Pablo Escobar. E’ stato uno dei narcotrafficanti più violenti del mondo, ma la sua memoria divide ancora la Colombia. Complice l’immagine positiva restituita da film e serie Tv. (Internazionale, 6 aprile, Jon Lee Anderson, The New Yorker – 7 pagine)

Argentina/Libri. Florencia Abbate, Felice shasta que amanezca (nove racconti di donne: una fotografa ossessionata dal voler afferrare un’immagine / Sandra russo, Veintidos cuentos cortos y ligeros /Rafafel Bielsa, Rojo sangre

Cile/ Santiago punta in alto. Metropoli di sette milioni di abitanti ai piedi delle Ande…città trainante dell’America latina, Destinazione ideale 2018 secondo Lonely Planet, la capitale cilena si è da tempo lasciata alle spalle Pinochet. Anche grazie ad artisti e registi che non vogliono dimenticare (Il Venerdì, 6 aprile 2018, Gabriella Saba)

Escribe tu comentario!