FOLGORATI DALLA RUMBA CUBANA, 40 anni fa.

40 anni esatti dopo l’apoteosi di tamburi cubani, chequeré, clave, guiro, quijada, ritmi, voci, danza e pantomima dei LOS PAPINES alla Sala Bossi del Conservatorio di Musica G.B. Martini di Bologna, il 10 dicembre 2022 MiCaribe celebra virtualmente il 4o° anniversario con un brevissimo film su quell’evento spettacolare che, con una serie di incontri in città e in periferia, rappresentò l’apertura di una finestra autentica sulla musica cubana, in particolare sul fenomeno espressivo della rumba cubana, sulle culture dell’area caraibica e sudamericane.

continua...... »
musica

Arte

libri/cDVD

Viaggi

cultura e tradizioni

Home » Argentina, Cuba, cultura e tradizioni, libri/cDVD

Books: Che Guevara, poesie e scritti

17. maggio 2021 – 22:02No Comment
Books: Che Guevara, poesie e scritti
Da alcune settimane è in libreria il volume di Cosimo Damiano Damato, Ernesto Che Guevara, Luce che accende la tua notte. Le poesie del Che e altri scritti. (Compagnia editoriale ALIBERTI, 2021- 142 pagine, 13,90 €)

Le poesie e le lettere ai famigliari del Che.

Il dolore e l’amore, la rabbia, lo strazio, la passione di un combattente.
Il grido di un assetato di libertà. I sogni febbrili di chi rappresentò il sogno di un mondo nuovo.

«Sognare un mondo senza ingiustizie è una grande intenzione poetica», scrive nella sua Introduzione il curatore di questo volume Cosimo Damiano Damato.
In qualsiasi luogo si trovasse, nella pace della natura o nell’infuriare di un’azione rivoluzionaria, Ernesto Guevara detto “Che” non cessava mai di leggere e scrivere. Portò con sé, sino alla morte, un quaderno verde: era la sua personale antologia poetica. Versi trascritti di sua mano, da Neruda a César Vallejo, Nicolás Guillén, Léon Felipe.
«È probabile che il Che abbia scritto versi durante tutta l’adolescenza e la prima giovinezza, ma i pochi testi che oggi conosciamo furono composti tra il ’54 e il ’56, in Guatemala e in Messico» scrive Paco Ignacio Taibo ii. «Non si sentì mai soddisfatto dei risultati, e pensando che i suoi componimenti non valessero più di tanto, non li diede mai alle stampe».
Eppure in questi versi c’è tutta la sensibilità, le fragilità, le domande, la commozione di un uomo sulle cui spalle poggiava una sconfinata speranza di libertà.
A corredo delle poesie del Che, in questo volume compaiono un’amata poesia di Léon Felipe come Don Chisciotte è tornato; un frammento del Canto General di Neruda; una scelta di versi che poeti e cantautori hanno a lui dedicato: tra questi ultimi il cantore della rivoluzione Carlos Puebla (Hasta Siempre Comandante), Francesco Guccini (Canzone per il Che e Stagioni), Pino Daniele (Isola Grande), Roberto Vecchioni (Celia de la Serna), Raf (Jamas), Sergio Endrigo (Anch’io ti ricorderò). Inoltre incontriamo una nota intitolata Il figlio della rivoluzione: in viaggio con Camilo Guevara e Alberto Granado.

Con un’intervista a Camilo Guevara e Alberto Granado e altri scritti di Cosimo Damiano Damato.

Escribe tu comentario!